Processo GEA, Capello e Giraudo iscritti nel registro degli indagati per falsa testimonianza

In questi giorni si sta celebrando il cosiddetto processo Gea, la società del figlio dell’ex dirigente della Juventus Luciano Moggi. La notizia di oggi è che a finire sul registro degli indagati sono due ex pezzi importanti della Juve del recente passato, Fabio Capello (attuale ct dell’Inghilterra) e l’ex amministratore delegato del club bianconero, Antonio Giraudo. Ai due viene contestato il reato contestato di falsa testimonianza, relativo alla deposizione nell’udienza dello scorso 31 marzo, il pm Palamara aveva ipotizzato l’accusa di reticenza alla corte per i numerosi “non ricordo” proferiti dai due. Fabio Capello aveva negato di aver mai avuto rapporti con i dirigenti di Gea World e di aver ricevuto pressioni nella gestione dei calciatori ai tempi in cui era allenatore della Roma e della Juventus. “Non ho mai parlato con Luciano Moggi e non mi sono mai interessato di come venivano collocati i calciatori in esubero. Do indicazioni per acquisti e trasferimenti, poi do il compito al direttore sportivo della società di provvedere”, aveva detto Capello ascoltato in qualità di testimone.

Potrebbero interessarti anche...