Eluana Englaro, zitti tutti!

Potrebbero interessarti anche...

31 Risposte

  1. Luka ha detto:

    Vuoi una approfondita e sincera riflessione sulla questione di Eluana? Senza paroloni e giri di parole che confondono… partendo da una dichiarazione del “padre” (forse biologico, ma non realmente padre)
    L’ha detto il 10 Luglio a Radio24: “L’interruzione di procedure mediche dolorose, pericolose, straordinarie, o sproporzionate rispetto ai risultati ottenuti può essere legittima. Secondo voi questo non corrisponde alla situazione di Eluana?”
    Il cibarsi è una tale terribile procedura medica? Oddio… allora voglio morira anche io..
    A 10 anni Eluna gli disse:”Che centri tu con la mia vita?”.. ce lo chidiamo anche noi… ma intanto la stà uccidendo…
    “Padre”? No… mistificatore scientifico e assassino approvato.. Luka

  2. lorenzo pontiggia ha detto:

    Eluana

    L’animale uomo
    ha la RIFLENTE
    (Riflessione-mente).
    Quando il Cervello
    è piatto vegeta…
    La natura lo ingloba
    nella continuità della vita…

    Il fisico non risponde,
    la testa vive: c’è AMORE!
    Beppino AMA la figlia,
    non vuole la tortura
    per interessi…
    Vuole la PACE
    e non teme Golia…

  3. Daniela ha detto:

    Caro Luka,
    spesso soffermarsi su singole frasi estrapolate dal contesto in cui sono state pronunciate, ne deformano il significato. Il “cibarsi” come lo intendono le persone in salute certamente non è una “terribile procedura medica”, ma quando tale alimentazione è “forzata”, perchè in maniera naturale Eluana non potrebbe farlo e il farlo la porta a continuare a prolungare la sua agonia che dura ormai da 17 anni ed è qui che diventa “accanimento terapeutico”.
    Hai idea di com’è il corpo di una persona che è in stato vegetativo da 17 anni?Non fermarti alle foto che i giornali continuano a mostrare…informati da chi cura queste persona…o fatti un giro in un ospedale…ma devi essere forte, perchè potresti provare “vergogna” per la tua immediata reazione. Certo, il nostro Presidente del Consiglio avrebbe affermato – secondo la stampa – che lei sarebbe ancora in grado di partorire…forse anche lui non ha visto le sue condizioni attuali..Opporsi a una morte dignitosa “per principio” non credo proprio faccia parte dei principi di carità cristiana che dovrebbero contraddistinguere ognuno di noi. Pensi davvero che un padre possa prendere una decisione così dolorosa con leggerezza?Io credo che sia un padre con la morte nel cuore e che voglia solo che le sofferenze dell’amata figlia cessino. Eluana ha già sofferto abbastanza, non occorre che il Governo, il singolo ministro, la Chiesa ne facciano uno strumento di battaglia personale, che nulla a che vedere con il suo bene.
    Daniela

  4. anna ha detto:

    E’ trite vedere quanti sono i giudici in questa storia tanto dolorosa, quanto personale.
    Peppino sono con te e con la tua battaglia.
    Ho 34 anni, sono in buona salute fisica e mentale e porto sempre con me un’ agendina in ogni anno scrivo nella prima pagina che se mi dovesse accadere qualcosa, io non voglio sopravvivere come un vegetale. Il mio desiderio scrito è anche firmato, so che non ha alcun valore legale, ma è pur sempre una testimonianza della mia volontà, se mai mi dovessi trovare in condizioni di non poterla più esprimere.
    Io dico basta violentare Eluana, rispettiamo la sua volontà.

  5. massimo ha detto:

    Penso che esistano due sole persone al mondo che possano prendere una decisione simile: i genitori, e sai perchè Luka? Perchè tutti noi, e per noi intendo anche, e sopratutto, politici, preti, ministri e capi di stato, che si stanno facendo la solita partita a tennis in televisione ospiti dei più svariati talk show, possiamo stare qui altri dieci anni a pensare e giudicare, ma non riusciremo mai, nemmeno per un attimo, a capire cosa esista nel cuore del SIG. BEPPINO e della MOGLIE, e che cosa si prova a supplicare una simile soluzione per tua figlia.
    Sono sicuramente loro quelli che ne soffriranno di più !!!!!!!!!
    Massimo

  6. Claudio ha detto:

    Dite quello che volete. Ma quello che sta succedendo mi fa vergognare di essere Italiano. Ho provato rabbia a suo tempo contro gli USA per il caso di Terry Schiavo. Ora provo ribrezzo nel pensare che tutto cuò sta accadendo qua. E’ inutile che ripeta quanto di più giusto si sta dicendo da alcune parti per fortuna ancora in grado di ragionare. Auguro solo agli attori di tanta infamia di trovarsi un giorno nelle condizioni di non poter difendersi e di fare la stessa barbara fine che stanno imponendo a quella creatura. Queste cose le facevano in terra di Hitler negli anni bui. Lo ricordate cari benpensanti o siete così ignoranti? Il mio augurio resta sempre valido.

  7. vale ha detto:

    Il mio pensiero su questo caso? Un omicidio che creerà dei precedenti nella storia italiana. Il padre, un uomo probabilmente ormai impazzito dal dolore (probabilmente una perizia psichiatrica potrebbe essergli utile), non ha più voglia di star dietro alla figlia, e per mettersi la coscenza a posto poichè non se la sente di abbandonarla nel caso in cui si risvegli, va dicendo che le volontà della figlia stessa erano di morire nel caso in cui si fosse ritrovata in queste circostanze.
    Nessuno ha il diritto di decidere per la vita di un altro, e che questo padre è un nuovo Hitler, in quanto decide che la figlia ormai non si merita più di vivere perchè inutile per la società. Allora perchè non ammazziamo anche i down che da soli non sono autosufficienti, gli uomini in carrozzina, i vecchi non più autosufficienti e tutte quelle persone che secondo il nostro parere non si meritano di vivere-soffrire su questa terra? Chi deciderà che loro si meritano di vivere ed Eluana di morire?Hitler aveva cominciato a fare queste cose e secondo tutto il mondo era sbagliato. Allora perchè non reputare sbagliato anche il pensiero e le idee di questo uomo-padre, ormai al limite con il megalomane, che vuole uccidere la figlia perchè non ha più voglia di vederla soffrire? Ma è LUI che NON HA PIù VOGLIA di vederla soffrire oppure vuole che la figlia non possa più soffrire? è come chi dice non posso stare con te perchè sono sposato. Ma non puoi perchè sei sposato oppure perchè sei innamorato? Piccole sottili differenze…

  8. franz ha detto:

    Liberare questa questione da tendenze scientiste, ideologiche o religiose è senza dubbio una perdita di tempo.
    La corsa nel chiedere al governo di regolamentare casi come questo è non solo inutile, ma meschina.
    In fondo credo che se anche ci fosse stato un documento scritto in cui Eluana avesse palesato le sue intenzioni le polemiche non si sarebbero placate.
    Personalmente l’idea di considerare la vita un valore, al di là di come viene vissuta, al di là di quelle che sono le volontà di chi la vive, è inumano e per niente religioso.
    Voglio solo far rilevare che quando si parla di cibo e acqua sottratte ad ELuana non si fa altro che propaganda, per il semplice fatto che nelle flebo che le vengono somministrate ci sono farmaci antitombosi, antibiotici, in generale medicinali che le permettono di mantenere il suop stato vegetativo, con cibo e acqua Eluana sarebbe morta da 17 anni.

  9. loretta ha detto:

    Ma non si tratta di politica,si tratta di stabilire se sia giusto uccidere(xchè e’questo che sta succedendo)una persona che venti anni fa disse che non avrebbe accettato accanimento terapeutico.In questo caso non c’è,si che assume farmaci anti epiletici,ma questi farmaci li assumono migliaia di persone.La sua morte avverrebbe x mancanza di cibo e acqua.Non so quanti siano informati su questo tipo di morte,anche perchè se la sua vita è priva di sensazioni ed emozioni(come dicono alcuni)come mai le verrebbero somministrati antidolorifici?LORETTA

  10. mimmo ha detto:

    il dolore di un padre in questa situazione è grandissimo
    non pensiamo ad eluana per un attimo,
    ogni giorno nel mondo muoiono 35.000 persopne di fame!
    la chiesa e il mondo politico non vede

  11. dany ha detto:

    Ho assistito mio padre per due mesi in agonia, ad ogni socchiudere dei suoi occhi speravo di addormentasse per sempre, non perchè ero stanca ma perchè non volevo più vederlo soffrire..nel ’93 ho perso anche un fratello di aids ….quanto ha sofferto mentre sperimentavano su di lui ciò che avrebbe si salvato qualcun’altro, ma lui?non contava nulla. era un terminale e basta. Non accaniamoci continuando a pensare che la vita sia tutto e sopratutto ciò che vogliamo. Eluana merita di riposare. Il destino l’ha gia punita togliendole 17 anni di vera vita, quella che ha adesso non lo è. Sono sicura che sia lei a far muovere il padre in questo senso, lasciatela morire in pace;non può masticare, inghiottire, bere è alimentarla tramite un sondino che può placare la sua fame e la sua sete? Chi la pretende in vita non sa cosa sia la sofferenza è un/una bigotta che si attacca ad una fede che permette ai bambini indifesi di ammalarsi e non voglio continuare perchè ho già espresso il mio pensiero spero solo che qualcuno lo condivida. Grazie per lo spazio. Dany64

  12. Giuseppe ha detto:

    Per Eluana

    Se io fossi il vento
    aliterei nei tuoi dintorni
    affinchè danzerebbero soavi
    i tuoi capelli,
    forzerei quei vetri che ti separano
    da quel mondo che pur osannandoti
    non ti conosce e che tu ignori
    (preghiere e lacrime, impegno di una
    storia infinita, stampata/sovrapposta
    ad un passaggio di foto, testimonianza
    di una fanciullezza strappata).
    Se io fossi il vento
    soffierei forte in quella stanza
    che ti è prigione,
    solleverei coperte e lenzuola
    che sanno di scusa ovattata
    e combatterei il male che ti tiene lontana
    dalla tua stessa femminilità.
    Oh… se io potessi prendere per il bavero il fato,
    e se anche lui fosse più forte dei mostri,
    baratterei la mia inquieta vita
    pur di rimodellarti il sorriso.
    Sì!
    Basterebbe che io fossi il vento
    per soffiare forte nelle vie dell’ottusità
    e liberare le coscienze
    di chi ha deciso di non capire.
    Ma io non sono il vento
    sono un misero poeta,
    e tu sei Eluana…
    un’atroce croce,
    domanda a cui il mondo non sa o non vuole rispondere!
    Perdonami Eluana se non posso fare altro,
    che soffrire per te.

    Giuseppe Verriotto

    Forte dei Marmi, 6 Febbraio 2009

  13. Marta ha detto:

    La sorte di Eluana è già segnata dal suo papà , ma temo che a una simile decisione consegua un’altra morte,per suicidio,di colui che non vorrà sopravvivere al peso del rimorso.
    Io non ho mezzi per aiutare figlia e padre , posso solo affidare queste due persone al Signore e offrire le mie preghiere .

  14. Marta ha detto:

    La sorte di Eluana è già segnata dal suo papà , ma temo per lui il peso del rimorso , Non ho mezzi per aiutare figlia e padre , posso solamente affidare queste due persone al Signore e offrire le mie preghiere .

  15. valerio ha detto:

    io credo che l’unica parola che può essere spesa per i cinici avvoltoi che volano basso su Eliana sia: VERGOGNA!!!!!

  16. ime ha detto:

    molto semplicemente io chiedo: ma chi siamo noi per giudicare un padre che da 17 anni vede la figlia in quello stato? ma davvero pensiamo che Eluana sia quella delle foto che vediamo al telegiornale?? provate ad avere una persona cara in coma e poi, forse, potrete esprimere una opinione mai un giudizio, in merito alla questione. Ime

  17. Liborio Butera ha detto:

    Ho letto con attenzione tutte le vostre considerazioni e francamente non mi sento di dar torto a nessuno sia a chi è favorevole, sia ai contrari.
    La cosa che mi sconcerto è la modalità che si è scelto per “sopprimerla”, farla morir di fame.

  18. lori ha detto:

    Eluana, non soffrirà perchè le somministrano contemporaneamente dei sedativi,questo dicono i medici, provo tanta ammirazione per questo padre coraggioso, forte nel suo amore verso la figlia da sopportare tutto e tutti.
    e spero possa resistere ancora e portare a termine la sua battaglia.
    Altri stanno aspettanto leggi nuove riforme per poter porre fine a tante sofferenze.
    Peppino Englaro, è stato maltratto ingiustamente in tutti i modi. Eluana ha finito di vivere tanto tempo fa, lasciamo in pace quest’uomo.
    la mia pena

  19. lina ha detto:

    Provo tanta tristezza per Eluana, per il suo papà e per la sua mamma. Sono indignata per come i politici si vogliono ritagliare “un posto al sole” in questa dolorosa tragedia per la famiglia Englaro. Visto che i medici che stanno assistendo questa sfortunata giovane donna sono cosi’ sicuri che non soffrirà perchè somministrano sedativi? Visto che siamo in presenza di eutanasia perchè non si somministra subito una sostanza letale? Da tempo non riesco a dormire pensando al dramma di tante famiglie e prego Nostro Signore affinchè possa illuminare le coscienze e possa miracolare Eluana e quanti si trovano in condizioni di grave malattie.
    Lina

  20. gisella rocca ha detto:

    Sono cattolica ma, per mesi, ho difeso la battaglia di Beppino Englaro.
    Mi dicevo e dichiaravo: “E’ possibile che non si possa morire in pace? E’ possibile che ci si debba accanire così ed impedire una morte degna?” Ero veramente indignata e addolorata.
    Non sopportavo nemmeno alcune dichiarazioni del Vaticano.
    Sono per principio, contro l’accanimento terapeutico; penso che quando è giunta l’ora, ognuno abbia il diritto di volare libero…..ma……quando finalmente si è saputa la verità VERA, e cioè che Eluana non è attaccata ad alcuna macchina, che respira da sola, che il suo cuore batte e che l’unica cosa che la mantiene in vita è l’alimentazione….mio Dio!!! Non ho parole; non ho parole.
    E’ un essere umano vivo. Non gioca, non parla, non ha un lavoro ma, E’ VIVA; VIVA, capite? VIVA.
    E la vita si rispetta.
    La volontà di Eluana di non volere vivere in questo stato è PRESUNTA.
    E risulta pure che il padre, avrebbe voluto questo epilogo praticamente da subito.
    Non sono madre, non posso capire il dolore degli Englaro ma, questo è un omicidio.
    Caro Beppino, questa ragazza, che vedi in un letto, che non è più come prima, è TUA figlia.
    Non l’accetti? La vuoi bella, vivace, autosufficiente?
    Non è così ma, che tu lo voglia o no, è tua figlia ed è viva e, siccome la letteratura scientifica, a riguardo sa poco o niente, non sai nemmeno quello che prova e/o sente.
    Conosco gente che vive con figli in queste condizioni da anni e non pensano neanche lontanamente di eliminarli ma, li amano.
    La vita di Eluana non tua. Non è tua.
    Ti auguro di non renderti mai conto, in questa vita, di quello che stai facendo perchè, se questo dovesse succederti, non ci potrà essere nessuno e nessuna cosa al Mondo che potrà minimamente darti, un briciolo di consolazione, un attimo di serenità.
    Spero solo che, in quel caso, tu abbia la forza di rivolgerti a Dio.
    Solo l’Onnipotente, potrà aiutarti.
    NOn pensare che non vedere più Eluana in quel letto, potrà darti finalmente pace…..

  21. Tiziano ha detto:

    Riposa in pace Eluana, ora puoi farlo davvero @>–‘—

  22. allie ha detto:

    sono stata FELICE di apprendere la morte di Eluana.
    sono grata al padre che ha intrapeso una battaglia che porterà a tutelare tutti quelli che non vogliono un percorso di questo genere.
    non si è battuto solo per sua figlia, ma per fare si che si possa fare un testamento biologico, si possa decidere.
    si è battuto per tutti quelli che si possano un giorno trovare nella sua situazione.
    immagino il suo dolore.
    vorrei ricordare una cosa, superare la morte di un figlio richiede tempo, anni, e non si supera mai, si media.
    mettetevi nei panni di Englaro, ha fatto 17 anni di agonia….ora si deve anche fare anni di mediazione per superare il dolore -la mancanza- di sua figlia.
    ha tutta la mia stima, mi auguro solo che la sofferenza che ha provato in tutti questi anni lo abbia temprato a superare questo ulteriore dolore –

  23. sergio ha detto:

    Grazie Dio!!! Ci hai fregati tutti precedendo, con l’abbraccio ad Eluana, tutti gli schifosi disumani giri politici ed ecclesiastici che in questi giorni hanno coperto le pagine dei giornali

  24. gigi ha detto:

    Ora per favore facciamo silenzio…Eluana ha smesso di soffrire!

  25. Daniele ha detto:

    riposa in pace…………………………….

  26. Barbara ha detto:

    Una grande sconfitta.CIAO ELUANA.

  27. ENZO ha detto:

    PER LEI TANTO DOLORE E INDIGNAZIONE, E PER TANTI ALTRI NORMALE INDIFFERENZA, ALLORA TUTTI MATUTTI ZITTI,
    BASTA IPOCRESIA

  28. marco ha detto:

    ciao eluana!adesso finalmente riposerai in pace,anche se la speranza si confondeva col desiderio di rivedere una bella donna piena di vita. purtroppo no era più così da 17 anni.
    mi auguro che tu non abbia sofferto nell’ultimo sospiro,e che tu possa davvero trovare la pace,così come lo auguro alla tua famiglia!adesso tutti parlano,giudicano sputano sentenze e giudizi su tutti. il silenzio,e la tristezza per una morte,dovrebbero essere gli unici sentimenti di questi momenti.
    ti mando un bacio enorme,spero tu possa sentire quanto siamo tristi per te in questo momento,sei la figlia di tutti noi,e ti vogliamo tutti bene.
    riposa in pace e abbi cura,dal paradiso dove già sarai,dei tuoi cari,addio!

  29. katia ha detto:

    ora puoi veramente riposare in pace Eluana, secondo la tua volontà. Sii l’angelo dei tuoi cari, ne hanno veramente bisogno poichè hanno combattuto onestamente per ciò che tu avevi espresso e proprio per questo hanno combattuto in tua vece e proprio per questo saranno sempre giudicati da chi sopratutto non ha nessun diritto a giudicare, proteggili sempre. un bacio e una preghiera per te e tanta solidarietà alla tua famiglia. una mamma.

  30. luca ha detto:

    beppe englaro non ha dato la vita a sua figlia quindi non ha diritto di togliergliela.
    Eluana, aggiungo, non ha mai saputo come si vive in stato vegetativo, non essendoci ancora stata al momento della sua decisione.
    io sono contrario alla morte di eluana, perchè si tratta di odio e fissazione.
    Nessuno sa, nessuno di voi almeno, come ci si sente in stato vegetativo, nemmeno io lo so:
    ma io penso che tutto ciò che c’è ha un senso, altrmenti non ci sarebbe.
    Perchè uno può decidere come vuole sulla vita o sulla morte di un altro ?
    Eluana respirava, viveva, e l’ hanno uccisa.

  31. GIUSEPPE ha detto:

    Eluana è morta lasciata morire di fame e sete come se fossimo un paese del terzo mondo……forse lo siamo davvero!
    Chi di noi nella vita non ha portato anche un piattino di avanzi ad un gatto randagio. In questo caso, per una vita, le si stacca un sondino.
    Con il padre che voleva farlo sin dalla notte dell’incidente!
    La politica ci marcia sopra dopo che il caro Beppino Englaro faceva le sue comparsate sin dal 96 a porta a porta per un paio di volte l’anno.
    Potevano pensarci prima ad approvare una legge che non consenta di sopprimere una vita facendola disidratare. E dire che qualche tempo fa la povera Eluana aveva avuto anche il ciclo!
    Un vegetale? Non credo proprio. Una nostra sorella nè più nè meno.
    Ed ora silenzio perchè è così che si deve ricordare.