L’ANTITRUST VS GRANDE DISTRIBUZIONE


L’Antitrust mette sotto indagine la grande distribuzione, accusata di avere ulteriormente rafforzato il proprio potere di contrattazione nei confronti dei fornitori. L’organo presieduto da Antonio Catricalà sta verificando l’accusa mossa dai piccoli fornitori che denunciano di essere costretti a sconti del 30% per stare sui banchi della grande distribuzione, ricevere pagamenti dopo 180 giorni e oltretutto doversi accollare le promozioni (in pratica il 3×2 sarebbe a carico dei fornitori e non del distributore).

A preoccupare l’Antitrust è che tutte le grandi catene applicano le stesse condizioni costituendo così un cartello di fatto che obbliga i piccoli a stare alle loro condizioni (Corriere della Sera). L’insoddisfazione da parte dei fornitori è però bilanciata dal successo di pubblico: secondo i dati del rapporto del Centro Formazione Management del Terziario, riportati oggi su Repubblica, gli italiani si sentono in gran parte soddisfatti dal servizio avuto da centri commerciali e supermercati, anche se sta crescendo il commercio online.

via Club di Papillon


Potrebbero interessarti anche...