Commenti

  1. Si attende sempre auel provvedimento ad hoc che tarda ad arrivare, forse é arrivato il momento di raccogliere tutti gli itp precari non abilitati in una sorta di coordinamento, altrimenti nessuno li ascolterà mai… Iniziamo a lavorarci.

  2. SALVE, PER FARCI SENTIRE CHE NOI ESISTIAMO DOBBIAMO FARE PIU’ RUMORE . IL PRECARIATO DEVE MOBILITARSI DEVE USARE UNA STRATEGIA PURCHE’ Germini e Tremonti NON CAMBINO LA LORO MODALITA’.AVETE LETTO L’ ULTIMA MANOVRA CHE HA FATTO TREMONTI?E” pazzo.LA SCUOLA FINIRA’ DI ESISTERE PER NOI UMILI UMANI.

  3. perche’ non hai gettato il sangue sui libri per prenderti una laurea magistrale in scienza della formazione primaria,bello cosi':ve la volete cavare col diplomuccio di 4 anni.in america sono 50 anni che i diplomati non hanno accesso all’insegnamento alla scuola primaria e dell’infanzia,l’italia come al solito e’ in ritardo.questa legge della laurea specifica doveva essere approvata 50 anni fa COME L’america. io non metterei mai mio figlio nelle mani di un diplomato,soprattutto se e’ disabile,vorrei il massimo per lui , per un suo miglioramento,non vorreei certo una diplomata o laureata in un altro campo che si prende un corso di specializzazione sul sostegno.e’ inaudito che l’italia e’ sempre indietro a l’america.
    le universita’ vogliono cio’ per ffini di lucro,ma no di merito o giustizia,le universita’ vogliono solo riempire le loro tasche che con la crisi,sono vuote,a causa dei tanti tagli.
    dobbiamo capire che ogni corso di laurea deve avere il proprio sbocco professionale
    siamo gia’ in ritardo di 50 anni rispetto agli altri paesi,adesso non dobbiamo piu’ tornare indietro,per una maggiore qualifica nei confronti dei poveri bimbi disabili,loro meritano il meglio e i diplomati o con lauree non specifiche non lo hanno.
    adesso ripondimi,anna