Lessona, Biella – Ermido Di Betta, il produttore di vino “eroe” innamorato della natura

Ermido Di Betta circa 10 anni fa fece una scelta radicale: abbandonò la città e comprò una piccola azienda agricola che in realta di azienda aveva ben poco. Era abbandonata da decenni, rovi e bosco se ne erano impossessati e quella che adesso è la loro casa era un rudere abbandonato.
Ermido e la sua famiglia, con pazienza e determinazione, hanno trasformato “La Badina” nella loro abitazione: hanno ampliato la strada, fino a quel momento poco più di una mulattiera, vi hanno portato acqua e luce e pure la linea telefonica, poi, hanno deciso di impiantare la vigna in quella che è una delle zone maggiormente vocate per la produzione di uve Nebbiolo, Vespolina e Barbera. Ci sono voluti diversi anni, ma “La Badina” non ha tradito le aspettative. Oggi Ermido e la sua famiglia producono complessivamente circa 600 bottiglie di vino di assoluto pregio che si dividono in un “Lessona DOC” e in un rosso, “Le Tre Quercie” che è un blend di uve Barbera e di uve Vespolina. Noi li abbiamo degustati e ce ne siamo immediatamente innamorati! Ci siamo innamorati anche della storia di questa famiglia e siamo rimasti affascinati da Ermido, un uomo che prima di ogni altra cosa è innamorato della natura e delle sue viti, quasi le chiama per nome, ma adora anche le sue quercie, tre alberi mastodondici che tutti, prima di impiantare la vigna, gli consigliavano di tagliare perchè ne avrebbero compromesso la produzione, ma lui eroicamente ha resistito!

Noi da Ermido ci siamo fatti raccontare la sua storia che vi consigliamo di ascoltare, qui di seguito il video, guardatelo, non ve ne pentirete.

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Liborio Butera ha detto:

    Esatto!!! Ermido è un eroe, un uomo vero!

  1. 23 Dicembre 2011

    […] la città e comprò una piccola azienda agricola che in realta di azienda aveva ben poco. permalink Condividi la […]

  2. 14 Gennaio 2012

    Questo articolo è stato segnalato su ZicZac.it….

    Ermido Di Betta circa 10 anni fa fece una scelta radicale: abbandonò la città e comprò una piccola azienda agricola che in realta di azienda aveva ben poco. Era abbandonata da decenni, rovi e bosco se ne erano impossessati e quella che adesso è la loro…