La Scuola di Beppe Grillo in tredici punti

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Emanuele ha detto:

    Ho frequentato il liceo scientifico, sono laureato in ingegneria delle telecomunicazioni e tengo corsi per il personale IT di moltissime aziende italiane ed estere, per cui credo di parlare con cognizione di causa. Ridurre le ore di latino è stato un errore gravissimo. Il latino, infatti, al pari della matematica, aiuta a sviluppare le capacità analitiche degli studenti. Per cui dico a gran voce: sì, che vogliamo tornare a questo, vogliamo tornare ai licei di qualità!
    Non sono, invece, d’accordo sull’abolizione del libro stampato. Di fatto è quasi impossibile studiare bene, senza il supporto cartaceo, chiaramente bisognerebbe rivedere i costi dei libri di testo. Stravolgere la scuola non serve a migliorarla, ovvio che i tempi sono maturi per dare maggior rilievo all’insegnamento delle lingue, inglese in particolare, e all’informatica (possibilmente con tanta pratica).