Organico di fatto e spending review – incontro al MIUR sull’organico di fatto, utilizzazioni ed inidonei

ORGANICO DI FATTO E PROCEUDRE DI AVVIO DEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO: INCONTRO AL MIUR

Si è svolto questa mattina, 12 luglio, presso il MIUR un lungo e aspro confronto incontro durante il quale è stata fornita alle OOSS l’informativa sull’organico di fatto e stati affrontati i nodi derivanti dalle operazioni di avvio del prossimo anno scolastico e dall’applicazione di alcune delle disposizioni emanate con l’art. 14 del D.L. 95/2012.

CCNI Utilizzazioni e tempistica delle procedure

Sono state fissate le date per le domande di utilizzazione che, in particolare per il personale ATA, hanno comportato un faticoso confronto con l’amministrazione per evitare che il termine di presentazione cadesse nella settimana di ferragosto.
La modulistica da utilizzare è quella dell’a.s. 2011/2012 in quanto non è possibile adeguare i modelli sulla base dell’ipotesi di CCNI che è ancora giacente presso l’UCB e per la quale l’iter di approvazione rischia di essere concluso in tempi non compatibili con le procedure di avvio dell’anno scolastico.

Organico di fatto

Alle OO.SS è stata consegnata una bozza di circolare che l’Amministrazione intende diramare in tempi brevissimi, non più tardi dei primi giorni della prossima settimana.
Le modifiche al testo dello scorso anno propongono in modo martellante il richiamo alle necessità di contenimento della spesa, alle responsabilità contabili dei dirigenti scolastici, e riportano le innovazioni restrittive introdotte dai recenti provvedimenti legislativi tra cui evidenziamo in particolare l’eliminazione di qualunque riferimento ai progetti relativi alle situazioni di disagio, accoglienza e inserimento degli alunni stranieri.

Nel faticoso confronto che si è sviluppato su questi temi le OO.SS hanno chiesto con insistenza il riconoscimento del principio di mantenimento delle consistenze dell’organico di fatto dello scorso anno, evidenziando le numerose criticità che sono emerse già nell’anno in corso e che, con l’avanzare della riforma della scuola secondaria di secondo grado, si proporranno in modo ancor più evidente nel prossimo anno.
Hanno sottolineato la necessità:
– di ripristinare i posti della scuola dell’infanzia che lo scorso anno erano stati sacrificati per altri ordini di scuola
– di ribadire l’osservanza delle disposizioni che per la scuola primaria prevedono la costituzione di posti interi in presenza di spezzoni di 12 ore e l’assegnazione dell’ora di programmazione quale obbligo contrattuale per gli spezzoni fino a 11 ore
– di confermare gli spazi di flessibilità nell’utilizzo delle risorse di organico consentiti all’autonomia scolastica dal DPR 275/99
– di ripristinare la possibilità di potenziamento dell’orario di insegnamento nell’istruzione secondaria di secondo grado
– di fornire nella stessa circolare indicazioni per gli organici del personale educativo, per i quali la stessa amministrazione ha preannunciato un esubero di più di 300 posti, prevedendo flessibilità che consentano la funzionalità dei convitti
– di prevedere per i corsi serali, penalizzati dai termini di iscrizione, il mantenimento dei posti in organico con riferimento alla serie storica delle frequenze, considerando anche le iscrizioni tardive che per questo segmento si verificano prevalentemente nei primi mesi di avvio dell’anno scolastico
– di introdurre forme di flessibilità per le zone colpite dal recente sisma.

Quanto al personale ATA abbiamo rimarcato la necessità di confermare l’organico di fatto dell’anno scolastico corrente. Per i DSGA l’amministrazione sta ancora esaminando la modalità di applicazione dell’abbinamento delle scuole sottodimensionate.

Al termine dell’incontro è stata consegnata una tabella nella quale si confermano tutti i 625.878 posti di organico di fatto del personale docente, ripartiti tra le diverse regioni, in saldo agli scostamenti in aumento o in decremento applicati nell’organico di diritto secondo le tabelle allegate al relativo decreto (in allegato una nostra elaborazione).

Inidonei
L’amministrazione ha consegnato i dati relativi al numero degli inidonei utilizzati in altri compiti, provincia per provincia, nonché la prevedibile disponibilità di posti di assistente amministrativo. Analoghi dati ci sono stati forniti sui titolari della classe di concorso C999.
Martedì prossimo è aggiornato l’incontro per proseguire l’esame sia degli organici che dell’applicazione della spendine review.

Scarica le tabelle

Potrebbero interessarti anche...