Comunicato stampa Adida – l’associazione e’ viva e vegeta

Con questo breve comunicato il Direttivo in carica, composto da Barbara Borriero, Coordinatrice Nazionale, Fabrizio Bellini, vice Coordinatore Nazionale, Monica Cremonini, Tesoriera, Luca Sartorello e Valeria Bruccola, Coordinatori Consiglieri, intende fornire alcuni chiarimenti e dissipare alcuni dubbi relativi all’organizzazione, alla stabilità, al futuro dell’associazione Adida.

Vogliamo innanzitutto precisare, viste le numerose notizie di contenuto infondato e allarmistico, che l’associazione è “viva e vegeta”, lavora alacremente, sia sul fronte politico-istituzionale che su quello legale, esattamente come è sempre stato, in questi giorni infatti alla luce dalla pubblicazione dei decreti sui tfa speciali stiamo valutando insieme ai nostri legali quali azioni intraprendere, delle quali vi daremo al più presto notizia.

Unica differenza è che, per cause che non possiamo esporre esplicitamente perché oggetto di denunce e querele, quindi affidate alle autorità competenti, l’associazione è stata privata dei consueti canali di comunicazione e del suo logo. Non appena la questione sarà legalmente risolta, potremo riprendere sui siti finora noti l’attività di informazione e di diffusione delle notizie relative all’attività dell’associazione, per riportare le news che riguardano i docenti e più in generale il mondo della scuola.

Nel frattempo ci siamo attivati per nuove soluzioni che permettano di non interrompere, sia pur brevemente, la comunicazione tra associati e associazione. A tal fine stiamo aprendo un nuovo sito denominato associazioneadida.org a cui fare d’ora in poi riferimento per ogni informazione, richiesta o chiarimento riguardante l’attività dell’associazione.

Con questo breve comunicato il Direttivo in carica, composto da Barbara Borriero, Coordinatrice Nazionale, Fabrizio Bellini, vice Coordinatore Nazionale, Monica Cremonini, Tesoriera, Luca Sartorello e Valeria Bruccola, Coordinatori Consiglieri, intende fornire alcuni chiarimenti e dissipare alcuni dubbi relativi all’organizzazione, alla stabilità, al futuro dell’associazione Adida.

Vogliamo innanzitutto precisare, viste le numerose notizie di contenuto infondato e allarmistico, che l’associazione è “viva e vegeta”, lavora alacremente, sia sul fronte politico-istituzionale che su quello legale, esattamente come è sempre stato, in questi giorni infatti alla luce dalla pubblicazione dei decreti sui tfa speciali stiamo valutando insieme ai nostri legali quali azioni intraprendere, delle quali vi daremo al più presto notizia.

Unica differenza è che, per cause che non possiamo esporre esplicitamente perché oggetto di denunce e querele, quindi affidate alle autorità competenti, l’associazione è stata privata dei consueti canali di comunicazione e del suo logo. Non appena la questione sarà legalmente risolta, potremo riprendere sui siti finora noti l’attività di informazione e di diffusione delle notizie relative all’attività dell’associazione, per riportare le news che riguardano i docenti e più in generale il mondo della scuola.

Nel frattempo ci siamo attivati per nuove soluzioni che permettano di non interrompere, sia pur brevemente, la comunicazione tra associati e associazione. A tal fine stiamo aprendo un nuovo sito denominato associazioneadida.org a cui fare d’ora in poi riferimento per ogni informazione, richiesta o chiarimento riguardante l’attività dell’associazione.

Nel rassicurare anche tutti i ricorrenti che con Adida hanno proposto i propri ricorsi, ricordiamo che, come detto poco tempo fa, le udienze di merito relative ai ricorsi collettivi per i TFA, le GAE e il Concorsone, sebbene più volte richieste dai nostri legali, non sono state ancora fissate, non solo per Adida ma per tutte le organizzazioni che hanno proposto ricorsi simili. Nessuna notizia relativa a tali azioni, quindi, se non espressamente riportata dal Direttivo dell’associazione, è da ritenersi fondata e veritiera.

In ultimo, per sgombrare il campo da insinuazioni e calunnie riguardo la gestione economica dell’associazione, riferiamo che la rendicontazione, esposta durante la riunione con i Coordinatori avvenuta il 18 luglio scorso, sebbene non sia d’obbligo, potrà essere resa pubblica in un’area riservata agli aderenti, non appena l’associazione potrà riappropriarsi del proprio dominio e, nel frattempo, sul nuovo dominio.

Al riguardo, ci preme riferire che, vista la confusione volutamente generata da persone che, sotto nickname fantasiosi e improbabili, hanno screditato pubblicamente l’immagine di Adida, appena possibile sarà riorganizzato anche l’assetto dell’associazione, in modo da garantire maggiore partecipazione degli aderenti ma anche la possibilità di riferirci a identità “sicure” e riconducibili realmente a docenti che condividono le finalità dell’associazione.

Certi che questo breve comunicato sarà gradito a molti, cogliamo l’occasione per ricordare che l’associazione Adida è nata sotto la spinta etica e condivisa di difendere presso le istituzioni e in sede politica i diritti dei docenti, in particolar modo della III fascia delle graduatorie d’istituto. Impedire che l’immagine della nostra categoria possa essere screditata e denigrata da quanti non sanno mantenere toni consoni all’alta professionalità che da sempre rivendichiamo, è e sarà una delle nostre più sentite attenzioni.

La Coordinatrice Nazionale

Prof.ssa Barbara Borriero

Potrebbero interessarti anche...