PAS: DI BIAGIO: E’ URGENTE REGOLARIZZARE IL REQUISITO PER L’ANNO 2012/2013

Continua l’azione martellante del sen. Aldo Di Biagio in ordine alla formalizzazione della situazione in cui versano i docenti che hanno maturato i requisiti di servizio per i PAS  nell’a.s. 2012/2013 ancora in attesa di una definitiva regolarizzazione.
Dopo aver presentato l’emendamento “risolutore” incardinato nella discussione del DL 101 salvaprecari – AS1015) ancora in discussione nella Commissione Affari Costituzionali i cui lavori vanno pero’ a rilento, il Sen. Di Biagio ha richiesto anche la discussione in aula nel caso in cui tale emendamento non dovesse essere accolto dalla Commissione stessa..
“Mi auguro, ovviamente – ha dichiarato Di Biagio- che l’emendamento possa essere accolto e condiviso dal Governo tanto piu’ che puo’ definirsi un atto dovuto considerato che il Decreto direttoriale del MIUR del 30 luglio scorso lo anticipa di fatto.”
“In ogni caso –continua il Senatore di scelta Civica- ho richiesto gia la discussione in Aula e preparato, inoltre, un odg da sottoporre all’attenzione del Senato”

AS 1015 Emendamento

All’art. 9, dopo il comma 2 inserire il seguente comma:
2 – bis. All’art. 15 comma 1-ter del DM 249/2010, le parole “fino all’anno scolastico 2011/2012 incluso” sono sostituite dalle seguenti parole:” fino all’anno scolastico 2012/2013 incluso”.

Od.g:

Il Senato
Premesso che:
il provvedimento in esame reca “disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni” introducendo misure relative al comparto istruzione ed insegnamento;

in riferimento alla citata materia sussistono criticità relativamente ai percorsi abilitanti speciali (PAS), riservati ai docenti precari in possesso di determinati requisiti di servizio, di cui sono state definite opportune modalità di partecipazione con il decreto direttoriale n. 58 del 25 luglio 2013, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale IV serie speciale concorsi n. 60 del 30 luglio 2013;

nell’ambito di tale decreto si ravvisava “l’esigenza di definire tempi e modalità di attuazione dei corsi speciali sopracitati, ai sensi dell’art. 15 commi 1bis e ss. del DM 249/2010 e di avviarne l’attivazione dal prossimo anno accademico 2013/2014 nelle more di una parziale revisione dei criteri di accesso ai corsi medesimi finalizzata alla inclusione dell’a.s. 2012/2013 nel novero degli anni scolastici utili per il calcolo del triennio di servizio richiesto”;

tale disposizione aveva anche lo scopo di porre fine, in linea con le disposizioni ministeriali in materia, ad una impasse operativa che interessa da tempo tanti precari della scuola nella presentazione delle domande per l’accesso ai PAS, attraverso l’avvio effettivo dei corsi di abilitazione e soprattutto il pieno riconoscimento del servizio prestato nel periodo precedente alla presentazione della domanda;

è opportuno segnalare che, allo stato attuale, la citata situazione di incertezza ed impasse permane, mancando ancora il provvedimento di cui al citato decreto direttoriale, una lacuna che rallenta e compromette ulteriormente, di fatto, l’avvio dei PAS creando sperequazioni che, oltre a riflettersi sull’organizzazione dei percorsi, esasperano ulteriormente un comparto che da tempo ormai attende risposte, in uno spirito di concretezza di cui troppe volte si sente la necessità nel contesto pubblico;

Impegna il Governo:

a procedere in tempi certi all’adozione del provvedimento di cui in premessa al fine di consentire l’avvio dei PAS, chiarendo altresì la situazione di coloro che hanno inoltrato regolare domanda di partecipazione, in merito all’inclusione dell’anno scolastico 2012/2013 nel novero degli anni scolastici utili per il calcolo del triennio di servizio richiesto.

DI BIAGIO ALDO

Potrebbero interessarti anche...