la forzatura sulla sperimentazione ci porta a fare qualche riflessione.

L’imposizione da parte del ministero per avviare la sperimentazione, ci porta a fare alcune considerazioni: 

Primo: i nuovi titoli in uscita non si sa ancora bene a cosa serviranno, ovvero se saranno propedeutici solo all’università o se anche al lavoro. Che gli dicono alle famiglie?

Secondo: solo il liceo classico pare dia accesso a tutte le facoltà universitarie, gli altri tipi di liceo no (?). Che gli dicono alle famiglie?

Terzo: pare si possano attivare nuovi percorsi solo secondo le confluenze, per cui è escluso che possano attivare Licei che non hanno già come Istituti Tecnici (in particolare in una scuola in cui hanno il corso Ragionieri/Ragionieri programmatori vorrebbero attivare il Liceo Tecnologico indirizzo informatico).

Quarto: qualsiasi indirizzo attivano, si perdono un sacco di posti di lavoro, in particolare per gli ITP e per gli insegnanti delle materie tecniche.

Quinto: manca il decreto di revisione delle classi di concorso, per cui non si sa chi insegna cosa. Per gli ITP è una cosa molto deleteria.

Sesto: le regioni hanno detto "no" e hanno chiesto la revoca del decreto.

Potrebbero interessarti anche...