Lottare per poter svolgere le proprie mansioni

Nonostante anni di battaglie, sia  nelle scuole dove prestiamo servizio e sia con il Ministero competente, capita ancora oggi che qualcuno non conosce le competenze degli ITP. E dire che c’è un articolo di legge chiaro che le stabilisce, ma evidentemente fa comodo ignorarlo. Ne parlavo giusto ieri al telefono con il mio amico Filippo Rizzo, portavoce nazionale del Coordinamento ITP, nella chiacchierata amichevole c’è stata una sua frase che mi ha colpito: “Noi siamo l’unica categoria di impiegati statali che lotta per poter svolgere il proprio lavoro”. Può apparire un paradosso, ma è tristemente vero. L’ITP, specie in questi ultimi anni, a causa dei tagli all’istruzione, per esigenze di servizio  è dovuto diventare molto flessibile: a volte ci viene chiesto di svolgere altre mansioni come ad esempio la sostituzione di colleghi assenti, e altre attività che sono ben lontani dal ruolo istituzionale della figura, spesso le abbiamo svolte, ma ciò è legale? In seguito, per fare chiarezza, trovate l’estratto di una Faq dal sito della Cgil-flc, dove una RSU chiede ad un sindacalista esperto se l’ITP può “abbandonare” la propria classe per supplire i colleghi assenti.

No all’utilizzo del personale in compresenza

D. Sono RSU in un Istituto Professionale e nella trattativa per il contratto di scuola, in corso in questi giorni, la mia Dirigente Scolastica insiste perché si inserisca nel contratto la modalità di utilizzo in eventuali supplenze del personale in compresenza (sia ITP che docenti teorici). Le altre RSU sono favorevoli a chiudere (il contratto è vantaggioso per altri aspetti), io sono la sola RSU contraria perché ritengo che la cosa non sia possibile.

_____________  

R. Hai ragione tu: la cosa non è possibile. Le compresenze nell’Istruzione professionale sono previste dagli ordinamenti del 1993-94. In particolare agli art. 4 e 5 del Decreto Ministeriale 15 febbraio 1993 si definiscono gli orari dei docenti e degli insegnanti tecnico pratici. Per questi ultimi si dispone che tutte le cattedre siano di 18 ore, mentre per i docenti teorici le cattedre possono essere decrescenti da 18 a 16 ore. Per le cattedre inferiori alle 18 ore si precisa che “i docenti con orario inferiore alle 18 ore settimanali devono completare l’orario di servizio nell’area di approfondimento, secondo la programmazione didattica; per le ore non svolte nell’area di approfondimento l’orario di servizio sarà completato a norma dell’art. 14, VI comma  del DPR 23.8.1988, n. 399.”

Sono dunque solo queste ultime le ore che possono essere usate per coprire colleghi assenti, le altre non sono disponibili, in quanto costituiscono orario curricolare per l’alunno, indispensabilmente da erogarsi da parte della scuola.

Una scelta differente costituisce assai più che una violazione della norma contrattuale: costituisce una violazione della legge ordinamentale che istituisce l’Istruzione professionale e come tale sarebbe  impugnabile a vari livelli della giurisdizione sia ordinaria che amministrativa.

 

Potrebbero interessarti anche...

24 Risposte

  1. nicola ziletti ha detto:

    Volevo chiedere come si fa e dove si possono scaricare i moduli per diventare insegnante tecnico pratico ? e anche se era possibile saperne di più per la provincia di brescia grazie!

  2. giovanni ha detto:

    Volevo chiedere come si fa e dove si possono scaricare i moduli per diventare insegnante tecnico pratico ? e anche se era possibile saperne di più per la provincia di caserta grazie!p.s.se potete inviatemi un e-mail

  3. Francesco ha detto:

    Vorrei sapere quale legge o O.M. regola in un ITI le figure addette nel laboratorio di chimica per il suo regolare utilizzo o meglio quante e quali sono le persone responsabili che devono presenziare nel laboratorio affinchè gli alunni possano effettare le esercitazioni. Grazie!

  4. claudio De florentis ha detto:

    Vorrei sapere come posso diventare un I.T.P. e cosa potrei insegnare,essendo un perito tecnologo alimentare e a chi rivolgermi per inviare la modulistica.Grazie

  5. tommaso ha detto:

    vorrei sapere come si fa per diventare un insegnante tecnico pratico. Grazie

  6. tilde ha detto:

    io sn diplomati in un istituto tecnico industriale e vorrei sapere come si fa per diventare un insegnante tecnico pratico.
    a chi devo mandare il mio curriculum?
    aspetto una vostra risposta al + presto!

  7. Chiara ha detto:

    Volevo sapere cosa si deve fare per diventare un insegnante tecnico pratico e cosa potrei insegnare con una laurea in biologia! Grazie

  8. Lucia ha detto:

    Sono diplomata Perito Informatico ed anch’io vorrei sapere come fare per diventare ITP?
    Grazie

  9. FABIO ha detto:

    Salve…
    Sono uno studente dell’ università di VERONA ( scienze matematiche fisiche e naturali, laurea in informatica) e sono diplomato come Perito Informatico.
    Vorrei sapere cosa devo fare per diventare ITP.
    La ringrazio per la disponibilità.
    Saluti…

  10. Marco ha detto:

    Salve, ho un diploma di Perito Informatico e anch’io vorrei sapere come fare per diventare ITP? A chi posso rivolgermi per avere informazioni?
    Grazie

  11. Gianni ha detto:

    salve,ho visto che come me molte persone hanno chiesto cosa bisogna fare per diventare insgnanti tecno-pratici. Io mi sono diplomato due anni fa in un istituto tecnico industriale, cosa devo far per diventare un ITP?confido in una vostra risposta anche per via e-mail. La ringrazio.

  12. Marcello ha detto:

    Salve,
    sono un Perito Elettrotecnico mi chiedevo anch’io quale fosse l’iter o a chi rivolgermi per divenire un’I.T.P.?
    Cordiali saluti

  13. carmine ha detto:

    Salve…volevo sapere cosa si può INSEGNARE òcon laurea in economia e commercio vecchio ordinamento e laurea in scienze politiche…grazie

  14. Franco Cagino ha detto:

    Le graduatorie degli I.T.P. sono state pubblicate?
    dove si possono consultare?
    un abbraccio

  15. Giovanni ha detto:

    Carissimo collega…ho bisogno di aiuto..Sono un ITP di ruolo in un Istituto Professionale Chimico Biologico con 4 ore a disposizione che originariamente erano di laboratorio sull’organico di diritto ma che a causa di accorpamenti prima dell’inizio dell’anno scolastico sono diventte a disposizione. Da premettere che ci sono un po di docenti che hanno ore a disposizione chiedo 1) se il Preside mi puo obbligare a svolgere due ore di approfondimento nella classe 3^ da solo(30 alunni + un disabile senza ins. di sostegno) senza che io faccia parte effettiva del consiglio di classe.
    2)Ho provato a chiedere in Provveditorato se potevano concedermi le ore a disposizione nella mia scuola di titolarità ma sin’ora non sono stato ascoltato. Ti ringrazio cordialmente

  16. mariarosa ha detto:

    salve,ho il diploma di maturità scientifica (ma sono anche laureata in Scienze dell’educazione)vorrei sapere come si diventa insegnante tecnico pretico,e dove posso trovare la modulistica. grazie tante

  17. annalisa ha detto:

    salve ho il diploma di maturità d’arte applicata (grafica pubblicitaria e fotografia)e il corso regionale di 600 ore, vorrei sapere se posso e come si diventa itp e dove posso trovare tutta la modulistica.grazie

  18. gianni forgia ha detto:

    salve!! sono un ITP classe di conc. C150 insegno in un istituto tecnico per il turismo progetto ITER il docente curricolare di discipline Turistiche sostiene che nel progetto iter l’ITP non ha diritto di voto e giudizio sugli alunni, ed intende rilegare il ruolo di docente ad eclusive attività di laboratorio come fugura di assistente tecnico, ignorando completamente la legge 124 del 99. sostiene che nel progetto iter del 1990 tale ruolo non prevede la docenza. quali ulteriori argomenti legislativi posso portare a chiarimento del vero ruolo dell ITP?

  19. Laura ha detto:

    Sono una ITP di Laboratorio di Economia Aziendale – transitata – di ruolo da più di vent’anni in un ITC per ragionieri. Domando se, in possesso dal 2000, di abilitazione sulla Classe di concorso A076 – Trattamento Testi – posso per il prossimo a.s., dietro mia esplicita richiesta, ottenere lo spezzone di 6 ore presso la Sezione staccata della medesima scuola. Chiarisco che, al momento, ho 6 ore di laboratorio presso un corso della sede + 6 ore di laboratorio presso l’unico corso della sede staccata. In totale avrei 12 ore di insegnamento che, lo scorso anno, sono state completate con 6 ore a disposizione per raggiungere il totale delle 18 obbligatorie.
    Posso io richiedere l’utilizzo sullo spezzone di trattamento testi di cui sopra? Se si, in base a quale normativa?
    Il mio D.S. dice che non mi compete in quanto lo spezzone servirebbe per “Cattedra orario esterna”.
    Ma se avessi contrazione di ore sarei allora soprannumeraria rispetto a chi, non di ruolo, si vede assegnate tali ore?
    Grazie!

  20. Fabio ha detto:

    Salve, ho aftto un anno di supplenza com eitp, informandomi molti mi ha nno detto che col diploma non si puo accedere all’iscrizione alla fascia per entrare di ruolo, volevo sapere se era vero e se non era vero cosa devo fare e dove devo recarmi visto che tali informazioni mi sono state datte dal proveditorato di pescara nel uqale mi son recato. Grazie

  21. MAURA ha detto:

    salve volevo avere maggiori informazioni per diventare un ITP, se bisogna iscriversi in provveditorato oppure bisogna seguire un altro iter. grazie la mia email e’ maurina1@hotmail.it

  22. Antonio ha detto:

    Salve, sono un neolaureato in ingegneria informatica (I LIVELLO) e volevo sapere cosa bisogna fare per diventare un ITP.
    La mia mail è antoniocolabello@hotmail.it
    GRAZIE

  23. annalisa ha detto:

    ciao volevo sapere se qualcuno può aiutarmi a capire se, con un diploma professionale di tecnico della moda e dopo aver conseguito il diploma da modellista e l’abilitazione all’insegnamento presso una accademia di moda, ho abbastanza titoli per provare ad accedere a qualche concorso o cosa altro per diventare assistante di laborio in istituti di questa categoria. la mia e-mail è annalisa.santo27@libero.it grazie a tutti.

  24. Simona ha detto:

    Salve vorrei sapere come si fa a diventare un ITP, grazie mille!