Il Tennis non emoziona più! Wimbledon, il serve and volley, le grandi sfide, Borg, Mcenroe, Connor, Lendl, Cash, Becker, Edberg. Cosa resta?

E’ tempo di Wimbledon, il torneo di tennis più importante di sempre. Wimbledon si gioca sull’erba, superficie veloce in grado di esaltare la tecnica dei tennisti. Sull’erba si serve e si va a rete, o meglio si faceva così un tempo. Oggi si picchia solo da fondo campo ed è un tennis che non ci emoziona più, soprattutto perché siamo a Wimbledon, dove ad esempio uno dei più grandi campioni di sempre come Ivan Lendl non è mai riuscito a Vincere. Quante finali ha perso Lendl a Wimbledon, lui che fortissimo da fondo poteva imbattersi in clamorosi errori a rete. E’ sempre stato questo a nostro avviso il mito di Wimbledon, con giocatori come Pat Cash capaci di attaccare anche sulla seconda di servizio, in risposta e non.

Peccato, il tennis che amiamo non è quello di questi ultimi anni, ci consoleremo con la visione di qualche mitico match del passato.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. ivan ha detto:

    concordo…io gioco al livello agonistico e anche a me piace giocare e veder giocare quei campioni di una volta!!!a volte mi diverto tentando di fare le stesse cose ma mi rendo conto che per vincere c’è bisogno di ben altro al giorno d’oggi!oramai chi vince sono quei giocatori come nadal che anche senza un talento naturale hanno avuto la fortuna di allenarsi per ore e ore al giorno!cosi facendo è impossibile nn diventare campioni se hai voglia!!!!

  2. Ezio b. ha detto:

    Bravo Butera, hai centrato un’altro problema. anni fa meritava trascorrere qualche oretta a vedere le partite di tennis, meglio se su superfici veloci ora ti becchi nadal e ti passa letteralmente la voglia.