Una mela al giorno toglie il virus di torno

Che la frutta abbia enormi proprietà nutritive lo sapevamo; che abbia la capacità di rafforzare le difese immunitarie è ancor più risaputo. Ed il suo uso è previsto nell’anno scolastico 2009/2010, attraverso il progetto di capillare diffusione della “merenda antivirus”. La Coldiretti si è espressa in merito al programma di “supporto” della vaccinazione contro l’influenza sia stagionale sia suina, che si preannunciano alle porte. Oltre duemila merende sono state distribuite gratuitamente e si prevedono in tutta la penisola, altri 800.000 alunni coinvolti.

La Coldiretti ha affermato che: “L’importanza del consumo di frutta nel rafforzamento delle difese immunitarie necessarie nella prevenzione per combattere il virus è unanimemente condivisa dal mondo scientifico. A suo favore si sono recentemente espressi dal Premio Nobel per la Medicina Luc Montagnier all’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran), fino alla Federazione italiana medici pediatri (Fimp)”.

L’Oms, per quanto riguarda l’alimentazione dei bambini, suggerisce un consumo di frutta giornaliero pari ai 400 gr. Ma purtroppo mele e pere vengono sempre più facilmente sostituite da merendine preconfezionate, che troppo spesso non danno il giusto apporto nutritivo e rappresentano un rischio per la salute, per i conservanti ed i coloranti alimentari. Il programma della Coldiretti dovrebbe quindi avere un giusto seguito fra le mura domestiche, coinvolgendo maggiormente bimbi e genitori ad un adeguato consumo di frutta.


Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. GIUSEPPE ha detto:

    L’ho sperimentato l’anno scorso sulla mia pelle! Arance e mandarini a profusione. Non un giorno con il mino raffreddore!