Messa a disposizione 2019/2020, sta cambiando tutto

La domanda di messa a disposizione – MAD per le supplenze 2019/2020 è in fase di regolamentazione.

Le vecchie modalità conosciute e praticate fino ad adesso dai precari e da chi vuole inizare a lavorare nel modno della scuola stanno lasciando il passo ad una revisione del sistema MAD.

In Piemonte, in particolare in provincia di Vercelli, le scuole stanno attivando sui loro rispettivi portali internet una sezione interamente dedicata alle MAD – Domanda di Messa a Disposizione.

Lo scopo è quello di evitare che la casella di posta elettronica venga sommersa dalle istanze presentate dai precari e al contempo permettere – attraverso un sistema ad hoc che tali domande siano di volta in volta archiviate e protocollate in automatico.

In quale periodo va inviata la MAD?

Altro aspetto che stanno introducendo è quello del periodo di invio delle MAD, oltre a quello poi saranno in automatico cestinate. Non solo, un’altra importante novità che non esisteva negli anni passati è quella della pubblicazione delle graduatorie di istituto da Domanda di Messa a Disposizione.

L’UST di Vercelli – ad esempio – ha fissato la data entro la quale le scuole dovranno rendere pubbliche dali graduatorie, che ricordo, andranno in coda alle graduatorie di istituto ufficiali.

Altra novità riguarda anche il regolamento che si sono dato le scuole, molte non accettano le MAD da precari già iscritti nelle graduatorie di istituto in altre province. Questo allo scopo di evitare che possano ricevere una chiamata da quelle graduatorie e quindi interrompere il contratto (da MAD) con l’istituzione scolastica.

Insomma la giungla delle Domande di Messa a Disposizione sembra in fase di regolamentazione anche se va detto che attualmente ad operare in tal senso siano solo alcuni UST.

Potrebbero interessarti anche...