Esami di Stato 2012 – Le Commissioni e i trucchi per copiare

Queste sono giornate che andrebbero dedicate allo studio, invece molti studenti, forse in preda panico da Esame, si stanno arrovellando il cervello per escogitare la maniera migliore per copiare durante le prove scritte.
Ancora una volta in aiuto ai maturandi potrebbero arrivare le nouve tecnologie e in particolare gli smartphone sempre connessi alla rete. La Tecnica della Scuola, in un articolo a firma di Pasquale Almirante, riporta qualche numero: “Sembra proprio che il 62% degli studenti, che fra non molto dovrà affrontare le prove scritte agli esami di Stato, non sia minimamente disposto a lasciare a casa o consegnare alla commissione il fedele cellulare. In un modo o nell’altro, con una furbata o l’altra, un espediente o l’altro,  ma al telefonino non si rinuncia”.
Del resto ormai i cosiddetti nativi digitali (e non solo) non riesco più a staccarsi da quella che è divenuta forse la realtà tant’è che in un recente sondaggio condotto da SWG in collaborazione con il sito Studenti.it è emerso che il 47% ha riposto che “tenterà di tenere con sé il cellulare” per usarlo a  cercare tracce e soluzioni dal web, come la seconda prova scritta merita, mentre solo il 10% invece lo userà per fare intervenire, via etere, un familiare. Più reale di così…

Queste sono giornate che andrebbero dedicate allo studio, invece molti studenti, forse in preda panico da Esame, si stanno arrovellando il cervello per escogitare la maniera migliore per copiare durante le prove scritte.Ancora una volta in aiuto ai maturandi potrebbero arrivare le nouve tecnologie e in particolare gli smartphone sempre connessi alla rete. La Tecnica della Scuola, in un articolo a firma di Pasquale Almirante, riporta qualche numero: “Sembra proprio che il 62% degli studenti, che fra non molto dovrà affrontare le prove scritte agli esami di Stato, non sia minimamente disposto a lasciare a casa o consegnare alla commissione il fedele cellulare. In un modo o nell’altro, con una furbata o l’altra, un espediente o l’altro,  ma al telefonino non si rinuncia”.
Del resto ormai i cosiddetti nativi digitali (e non solo) non riesco più a staccarsi da quella che è divenuta forse la realtà tant’è che in un recente sondaggio condotto da SWG in collaborazione con il sito Studenti.it è emerso che il 47% ha riposto che “tenterà di tenere con sé il cellulare” per usarlo a  cercare tracce e soluzioni dal web, come la seconda prova scritta merita, mentre solo il 10% invece lo userà per fare intervenire, via etere, un familiare. Più reale di così…

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Adrienne ha detto:

    Bis repetita placent 😉