Grande successo per la celebrazione dei 10° Blues & Wine Awards, collegati alla 14° Edizione del Blues & Wine Soul Festival

Al loro decimo anno, i “Blues & Wine Awards” del Blues & Wine Soul Festival hanno messo in campo una nuova importante formula, che ne ha consacrato definitivamente il successo.

 

Un riconoscimento nato nel 2007 sempre dall’idea del creatore e patron dello stesso Festival, ossia l’artista del Soul e del Blues Joe Castellano, che attraverso questa targa ha voluto premiare grandi personaggi del Vino, della Musica, come del migliore Food e che ha regalato ogni anno una grandissima promozione alle Aziende che hanno partecipato all’entusiasmante circuito delle tappe sicule ed anche sparse nello Stivale Italico .

 

Un albo d’oro ricchissimo quello dei “Blues & Wine Awards” che negli anni, tra gli altri, aveva visto premiare personaggi storici del Vino italiano, come : Diego Planeta, Carlo Hauner, Lucio Caputo o Claudia Ferraresi (Signora del Barolo), o ancora del Food, come : Andy Luotto (sotto nella foto con Joe Castellano) , Crescenzo Scotti, Peppe Carollo e tanti altri.

 

Ma il “Blues & Wine Award” è andato negli anni anche a personaggi della “comunicazione” collegata al mondo del Vino/Food, come è stato per Bruno Gambacorta (rubrica “Eat parade” del Tg2 Rai), o come Andrea Zanfi (scrittore di importantissimi volumi sul mondo enologico), o come Nicola Dante Basile (celebre firma delle pagine de “Il Sole 24 Ore”), o come l’anno scorso per “I Signori del Vino” dell’amico Marcello Masi e di Rocco Tolfa, per la bellissima ed istruttiva rubrica creata sempre all’interno del Tg2 Rai.

 

Per la Musica avevano avuto il prestigioso Award in passato, icone delle sette note, come : Al McKay (grandissimo chitarrista e Band Leader degli Earth Wind & Fire), J.T.Taylor (splendido cantante dei Kool & The Gang) o la leggendaria Band di James Brown, venuta appositamente solo ad Agrigento nel 2007, per onorare il premio e la memoria del famosissimo Leader, pochi mesi dopo la scomparsa dello stesso “Padrino del Soul” .

Assieme a loro, il riconoscimento è stato attribuito anche ad icone della scena italiana ed internazionale, come Paolo Conte e Renzo Arbore, nonché a bluesmen o blueswomen di immenso talento, come : Sherman Robertson, Sharrie Williams, Chris Cain, Lee Brown, Junior Watson, il povero Eric Guitar Davis, o come James Owens (ancora oggi fenomenale chitarrista della Band di Joe Castellano) .

 

Ogni anno splendida Musica e gustosissime ed entusiasmanti degustazioni . E così tra grandi Galà/concerto in importanti Cantine, eleganti Hotel e Resort ed ancora in Castelli, Casali, Ville e luoghi di charme e nelle Piazze o luoghi storici di deliziosi borghi/di importanti città (con coinvolgimento di limitrofi ristoranti di valore), sono andate in scena ancora una volta – e per il 14°anno – le celebri Notti del Blues & Wine Soul Festival .

 

Ma quest’anno, l’Organizzazione del Festival ha voluto una ancora maggiore attenzione per i Vini protagonisti delle Aziende Partner .  E cosi, in primavera ed in estate ha raccolto preventivamente tutti i pareri di Ristoratori, Chef, Albergatori ed Esperti coinvolti nella manifestazione, nonchè di quel grande pubblico che ha animato  – come sempre –  le notti della kermesse, nelle sue varie serate itineranti .

 

Quel primo voto che ha dato vita alle c.d. “Nominations”, è stato poi unito lo scorso 3 Dicembre 2016 ad una serata speciale con cena finale di assegnazione degli “Awards”, svoltasi presso il prestigioso Ristorante “Nangalarruni” di Castelbuono .  Li, una Giuria di 10 esperti – presieduta del Presidente del Festival Joe Castellano – assieme ad un campione di 20 partecipanti alla cena ed amanti del buon gusto, ha proclamato i migliori Vini delle Aziende Partner 2016 che avevano già ricevuto le c.d. “nominations” durante l’estate, dai soggetti prima menzionati .

 

La “Notte dei Blues & Wine Awards”, ha visto cosi ben 19 vini finalisti (5 per le sezioni rispettivamente : spumanti, bianchi e rossi e 4 per la sezione da dessert) a cui sono stati abbinati vari gustosissimi piatti, preparati dagli Chef Peppe Carollo e Giovanni Tarantino .

Di grande rilievo i prodotti delle ottime Case Vinicole Partner, quali : Feudo Principe di Corleone, Carlo Hauner, Vini Patrì, Avide, Tenute Gorghi Tondi, Alessandro di Camporeale, Alagna Vini, Feudo Disisa ed i prestigiosi toscani Banfi, selezionati stavolta per un loro spumante, prodotto nei territori dell’alta Langa . (Tra le varie Aziende che hanno partecipato al Blues & Wine Festival 2016, erano ammesse agli Awards solo quelle presenti in tutto il Circuito a Tappe) .

 

Come voluto fortemente dal Blues & Wine, oltre alle qualità organolettiche di ogni vino, si è voluto premiare, con apposita voce di punteggio, anche il “rapporto qualità/prezzo” alla Cantina, di ognuna delle tipologie di bottiglie selezionate .

 

E cosi, guidati da Joe Castellano e dagli altri 9 membri della Giuria (il cui voto aveva valenza 1×10) si sono sommate le preferenze espresse durante la scorsa estate, assieme a quelle di Giuria di esperti ed al campione di Pubblico della cena finale di consacrazione .

Il Festival ha quindi attribuito quelle che sono dalle 3 alle 5 B, alla lista dei Vini sotto riportata e rifacendosi ai propri 5 precetti, che determinano le stesse 5 B (di Blues..) per :

 

B –  Blues People liked   (Vino apprezzato dal Pubblico del Blues & Wine)

B –  Beauty of Wine and bottle     (Ottimo colore e bottiglia curata)

B –  Buy suggested   (Suggerito per l’acquisto per rapporto qualità/prezzo)

B –  Born to be International  (Eccellente e nato per essere un vino apprezzato nel mondo)

B –  Best of Top Winery  (Prodotto di punta di Azienda che si qualifica Top)

 

Un’escalation di merito (a seconda dei diversi punteggi), che va da “piacevole” per chi  insignito delle 3 B, a “pregevole” 4 B, a “notevole” 4 BB, a “straordinario” 5 B, o ancora a “fenomenale” per chi  mai raggiungesse l’apicale fascia di 5 BWS (5 Blues & Wine Special) riservata a prodotti veramente eccezionali che univocamente ottenessero i massimi punteggi da giurati, esperti e da tutto il pubblico estivo ed invernale .

 

Grandissimo il successo della serata presso il ristorante siciliano prima citato ed anche Partner dell’evento, che ha divertito immensamente i 90 ammessi alla cena finale di proclamazione e che alla fine della maratona vinicola (19 vini in votazione ..), ha visto l’ampia soddisfazione dell’Organizzazione del Festival .

Importantissima sta risultando, inoltre, la promozione del prodotto vinicolo e del migliore food attraverso la manifestazione, che offre una continua comunicazione su tutti i canali web e che sta lavorando già da mesi a degli importantissimi progetti per lo sbarco definitivo anche in altre Regioni italiane ed anche a delle specialissime serate di promozione, in eccezionali contesti e locations estere.

 

Nel 2017, questo grande Evento, che in Sicilia ed in Italia tutta ha fatto da “pioniere” per il c.d. Enoturismo, celebrerà già i suoi primi 15 anni.

Saranno ancora una volta grandissima musica ed emozioni, con relative gustose degustazioni e con i migliori attori della scena vinicola nazionale . A quella che sarà la 4° Edizione del Festival del Giornalismo Enogastronomico, promosso dallo stesso “Blues & Wine”, si assocerà una 11° edizione dei “Blues & Wine Awards” che si preannuncia ancora più ricca ed entusiasmante e con Vini che abbracceranno sempre più tutta la penisola italica .

 

Si sta lavorando affinché il tutto sia un “Grande Festival del Vino Italiano”, da promuovere in casa ed in campo internazionale. Visti i risultati ottenuti, si ha motivo di aspirare ad un nuovo grande traguardo, che stavolta unirà tutta l’Italia con il migliore Vino e con la più calda ed intensa musica dell’anima .

 

 

 

Blues & Wine Awards – 10° Edizione

Blues & Wine Soul Festival 2016 – XIV° Edizione

 

 

ELENCO VINI VINCITORI

 

VINI SPUMANTI
1) FUNIS 2015 – Azienda Patrì Rocco (Riesi – CL) – 4BB – punti 180.94/200
2) U’NUTARU 2014 – Azienda Avide (Ragusa) – 4BB – punti 178.81/200
3) TENER 2015 – Azienda Banfi (Montalcino – SI) 4BB – punti 177.95/200
4) PALMARES Brut 2015 – Azienda Tenute Gorghi Tondi (Mazara del Vallo TP) – 4B – punti 161.04/200
5) SPUMANTE Extra Dry 2015 – Azienda Feudo Principe di Corleone (Monreale PA) – 3B punti 153.30/200

 

VINI BIANCHI
1) BENEDE’ 2015 – Azienda Alessandro di Camporeale (Camporeale – PA) – 5B – punti 188.69/200
2) CHARA 2015 – Azienda Feudo Disisa (Grisì – PA) – 5B – punti 184.38/200
3) JANCURA 2015 – Azienda Carlo Hauner (Salina Isole Eolie – ME) – 5B – punti 184.35/200
4) DALLA TERRA Bianco 2015 – Azienda Patrì Rocco (Riesi CL) – 4BB – punti 170.14/200
5) BIANCA di CORTE 2015 – Azienda Feudo Principe di Corleone (Monreale PA) – 4B – punti 158.86/200

 

VINI ROSSI
1) HIERA’ 2015 – Azienda Carlo Hauner (Salina Isole Eolie – ME) – 5B – punti 192.19/200
2) SOLITARIO NERO 2015 – Azienda Patrì Rocco (Riesi – CL) – 4BB – punti 181.60/200
3) FRAPPATO 1607 – 2015 – Azienda Avide (Ragusa) – 4BB – punti 176.76/200
4) DALLA TERRA Rosso 2015 – Azienda Patrì Rocco (Riesi CL) – 4B – punti 166.21/200
5) NARKE’ Nkantu 2015 – Azienda Feudo Principe di Corleone (Monreale PA) – 4B – punti 159.38/200

 

VINI da DESSERT
1) MALVASIA PASSITA 2013 – Azienda Carlo Hauner (Salina Isole Eolie – ME) – 5B – punti 189.80/200
2) KRYSOS Vendemmia Tardiva 2008 – Azienda Feudo Disisa (Grisì – PA) – 4BB – punti 175.35/200
3) MARSALA GARIBALDI Dolce 2012 – Azienda Alagna Vini (Marsala TP) – 3B – punti 148.84/200
4) ZHARA Passito 2013 – Azienda Feudo Principe di Corleone (Monreale PA) – punti 137.65/200

 

 

Potrebbero interessarti anche...