ITP TRANSITATI SUL SOSTEGNO, riconosciuta l’equiparazione economica al pari dei laureati

Alcuni tribunali del lavoro ed alcune Corte di Appello hanno riconosciuto agli ITP transitati sul sostegno con titolo di specializzazione l’equiparazione economica al pari dei colleghi laureati che svolgono pari mansioni.

Si tratta della battaglia della vita, passata prima dalle lotte sindacali perse perché probabilmente gli stessi sindacati non hanno mai sposato la causa, dalle battaglie politiche, perse anche quelle. C’è anche un disegno di legge che giace inascoltato nelle commissioni parlamentari (leggi). Anche in passato l’on Angela Napoli ne aveva presentato uno, ma senza ottenere nulla (leggi).

Passando anche le vie legali  senza aver ottenuto nulla, anzi, qualcuno smarcandosi ha addirittura complicato le cose.

Oggi per fortuna alcuni tribunali ci hanno dato ragione, ma non a tutta la categoria, solo agli ITP transitati sul sostegno con titolo di specializzazione. Questi tribunali hanno condannato il Ministero al pagamento degli arretrati, e sono parecchi soldi.

Sulla scorta di queste sentenze stiamo lavorando per ridare vita allo spirito del vecchio coordinamento ITP, quello che ha salvato la figura del docente di laboratorio dall’ira riformista della riforma Moratti prima e da quella della Gelmini poi.

Ho contattato personalmente alcuni vecchi referenti del glorioso coordinamento ITP, molti di loro oggi sono in pensione, altri lavorano ancora. Parecchi sono transitati sul sostegno.

Ho coinvolto un importante studio legale specializzato in diritto scolastico che ha accettato di presentare i ricorsi gratuitamente a tutti e di ricevere il giusto compenso solo dopo aver vinto la battaglia.

Ho lasciato fuori i sindacati, dunque a nessuno sarà richiesto di tesserarsi a questa o a qeull’altra sigla sindacale.

Ad aderire al ricorso siete già in tanti: Piemonte, Campania, Calabria e Sicilia su tutti.

Per i colleghi siciliani c’è un discorso che va fatto a parte e che loro conoscono già, mentre per tutti gli altri la battaglia legale sembra essere in discesa.

Così come si faceva al tempo del Coordinamento ITP, cercherò di rendere tutti partecipi, comunicherò tempestivamente gli sviluppi e le novità. Sarò trasparente e disponibile con tutti coloro i quali chiederanno informazioni, lo sarà anche lo studio legale.

Gli interessati possono contattarmi alla mia mail personale liborio.butera@gmail.com oppure tramite il mio profilo Facebook https://www.facebook.com/liborio.butera/

Il ricordo è individuale, nessuno è obbligato a farlo, ma mi sembra corretto continuare ad informarvi degli esiti delle mie battaglie che ormai sono diventate quasi una questione personale.

 

Potrebbero interessarti anche...