attualità

Un altro Capodanno con l’incubo covid

La variante omicron del covid inizia a fare paura, tanta paura. Il Capodanno 2022 sta già facendo registrare disdette negli alberghi e le percentuali iniziano ad essere significative, lo denuncia il presidente di Federalberghi di Roma, Roscioli che però punta il dito sulle scelte politiche del governo Draghi: “Le prenotazioni negli alberghi romani sono il 50% in meno rispetto al dicembre 2019 a causa del perdurare della pandemia e degli ultimi provvedimenti presi dal governo”.

A Roma -50% in hotel, molti già chiusi. Inoltre precisa che: “diversi alberghi hanno addirittura chiuso durante le feste per le disdette”. “Spero che il governo prenda provvedimenti a favore di un settore tra i più colpiti, quello turistico”, auspica. Nella Capitale risultavano chiusi già prima dell’ultima ondata “350 hotel su 1250”.

Un altro durissimo colpo per gli albergatori, ma non solo, il minor numero di presenze per capodanno 2022 si ripercuote su tutte le attività commerciali che operano sui territori.