Protesta dei TIR – Fra i siciliani, un prete, don Forcone


Si allenta la morsa del blocco dei tir, che sono in fase di accordo con il governo (il ministro Passera ha promesso da subito sgravi sui pedaggi autostradali per 170 milioni di euro), mentre ieri è scoppiata la protesta dei pescatori contro caro-gasolio e licenza a punti Ue. Intanto il blocco dei tir ha già avuto un primo impatto sui prezzi degli alimentari, aumentati in alcuni casi anche senza un valido motivo. Proprio contro la speculazione la Coldiretti, ieri mattina a Milano, ha distribuito gratuitamente uova e insalata che sarebbero rimaste a marcire per la mancanza dei trasporti. Fin dall’alba si è formata la coda davanti al banco e in un’ora sono state consegnate tutte le 2500 buste e le 650 confezioni d’insalata. In Piemonte invece la protesta ha rischiato di lasciare a secco le mense dei poveri: in soccorso sono giunti i caseifici cooperativi con dieci quintali di tomini e la verdura dei produttori Coldiretti. Sui giornali però cominciano ad apparire i volti di questa protesta partita dalla Sicilia: “agricoltori, imprenditori, camionisti e allevatori” scrive Panorama che aggiunge “tra loro anche un sacedote” (di Avola) già soprannominato Don Forcone.

via Club di Papillon

Potrebbero interessarti anche...