TFA Speciale – I docenti non abilitati chiedono che gli venga restituita la dignità professionale

Il Gruppo Facebook “Docenti non abilitati con almeno 360 giorni di servizio” ha tentato di adoperarsi, in quest’ultimo anno, indossando le vesti di mediatore tra rappresentanze politiche, sindacali e istituzionali e la paradossale condizione dei Docenti di III^ Fascia.
Ora che finalmente inizia ad intravedersi un timido bagliore, ovvero una soluzione per regolarizzare lo status di formazione dei Docenti con servizio attraverso un corso abilitante SPECIALE, noi continuiamo con tenacia ed impegno a fungere da faro per illustrare l’iniquità e sociale e professionale a cui la suddetta categoria di Docenti è stata ed è sottoposta.
Nell’attuale Bozza relativa alla modifica del DM 249/2010 persistono, a nostro parere, delle criticità dettate da una non esaustiva disamina delle eterogenee situazioni lavorative presenti tra i Docenti di III^ Fascia.
Vi è innanzitutto un rischio autentico che molti Docenti con un numero di giorni di servizio di gran lunga superiore ai 540 richiesti siano esclusi da un percorso abilitante SPECIALE poiché non in possesso del requisito 180*3. Forniamo un esempio esplicativo. Un Docente potrebbe avere prestato servizio per  700 giorni complessivi così ripartiti:
1° anno- 220 giorni
2° anno- 200 giorni
3° anno- 130
4° anno- 150 giorni.
È alquanto manifesta la necessità di assumere un criterio differente dalla formula 180*3. I Docenti non abilitati con servizio richiedono quindi la cumulabilità dei  540 giorni.
Lacuna dell’attuale bozza è altresì l’opportunità di un ampliamento del percorso SPECIALE  parallelo a quello del TFA Ordinario. In questo modo i Docenti non abilitati che continueranno a prestare servizio presso istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine e grado, ivi compresi gli ITP, la scuola dell’Infanzia e la Primaria, e tutti i settori scientifico-disciplinari di afferenza, avranno la possibilità di vedere riconosciuta e valorizzata l’esperienza acquisita una volta maturati i 540 giorni di servizio anche in A.S. successivi al 2011/2012.
Infine, ricordiamo che dagli anni Settanta e sino al DM 85/2005, i percorsi abilitanti attraverso un canale cosiddetto riservato, erano indirizzati al personale docente non abilitato con 360 giorni di servizio. Il requisito dei 180*3 non rispecchia dunque la normativa precedente, disposizione che prevedeva altresì l’accesso in GaE a titolo conseguito. L’iter attuale ammette l’inserimento in II^ Fascia delle GI e successivamente il Concorso a cattedra. Un trattamento davvero poco equo, una “riforma” legislativa alquanto eccessiva.

Patrizia Caira, Raffaella Diana, Daniela Gardiol, Arianna Formato
Amministratrici Gruppo Facebook “Docenti non abilitati con almeno 360 giorni di servizio”

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. raffaella ha detto:

    Sono già abilitata, se insegno è perchè ho i requisiti per farlo e non intendo finanziare un corso pagliacciata per far contento chi vuole rimpinguare le casse di università o istituti vari. Conosco i miei diritti e nessuno li calpesterà piú. No a contentini di basso livello. Errori sono stati fatti e confusioni disoneste sono state create, ma non saranno il mio diploma e le mie tasche a pagare. Sia fatta! vera giustizia!