Pisciotta – Un bellissimo paese del Cilento sta franando nell’indifferenza di tutti!!!

Pisciotta è un comune italiano di 2.901 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

È inserita nel Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. L’abitato principale di Pisciotta, a circa 100 km a sud del capoluogo Salerno, si è sviluppato intorno alla cima di una bassa e ripida collina prospiciente il mar Tirreno, sui cui fianchi scorrono i torrenti Fiori e S. Macario. Le foci dei due corsi d’acqua delimitano più a valle la minuscola frazione di Marina di Pisciotta, sul litorale sottostante, distante circa tre km. di strada. Più all’interno, a circa 9 km, ed a maggiore altitudine, sorge la frazione Rodio, che la leggenda vuole originata da un insediamento di Cavalieri di Rodi. Infine, a circa sette chilometri in direzione di Palinuro si è sviluppata la frazione Caprioli, priva di un vero e proprio centro urbano, composta di diversi borghi sparsi su un’area relativamente vasta, che va dal mare alle basse colline retrostanti.

Le prime ipotesi sulle origini e sulla storia di Pisciotta sono collegate alla distruzione di Troia (650 a.C.): Nel 650 a.C. i troiani, sfuggiti all’incendio ed alla distruzione della loro città, approdarono sul lido ionico, dove fondarono Siri. Gli abitanti di Siri (sirini) avanzarono verso ovest, seguendo l’ampia valle del fiume Sinni, fino al lago ed al monte Sirino (che da essi presero il nome), presso l’odierna Lagonegro. Fondata Siruci (oggi Seluce, frazione di Lauria), si spinsero fino al mar Tirreno, sul lido dell’odierno Golfo di Policastro.

Qui essi fondarono la colonia di Pixous. A testimonianza di ciò una rarissima serie di antiche monete, recanti, in caratteri arcaici, i nomi coniati di Sirinos e Pixoes, riferentisi, rispettivamente, alle popolazioni delle due città di Siri e Pixous. Il nome “Pixous”, dalla radice “PYX”, deriva dal bosso (buxus semprevivens), arbusto sempreverde delle buxacee (simbolo della giovinezza e della forza, del coraggio, della perennità del pensiero e dell’ opera; ornamento dello stemma comunale di Pisciotta). Dall’etimologia greca e da quella latina derivano i nomi di Pixous, Pixo, Pixunte, Buxentum e Bussento.

Nel 194 a.C. la pixous greca divenne la Buxentum romana e nel 915, quando questo centro viene depredato e bruciato dai saraceni di Agropoli, ne ha già cambiato il nome latino in quello attuale di Policastro. È l’anno 915 a segnare la nascita di Pisciotta: Gli abitanti di Bussento, dopo che i saraceni di Agropoli assalirono, saccheggiarono e diedero alle fiamme il loro villaggio, cercarono scampo sui monti e sulle alture circonvicine.
Molti si trasferirono al di là dei promontorio di Palinuro, dove formarono un piccolo villaggio, che chiamarono, in ricordo della perduta patria, Pixoctum, cioè piccolo Pixous. Da Pixoctum si ebbero poi Pixocta, Pissocta e Pisciotta. Nulla però si conosce dei primi anni di vita del nuovo borgo e solo nel XII secolo, sotto Guglielmo II, troviamo per la prima volta il toponimo Pissocta, posseduta come feudo da Niello, suo cittadino.
La strada provinciale costiera, che, a causa di una frana in movimento, doveva essere affiancata da una variante mai terminata ed in stato di abbandono, conta un fiordo assai profondo al confine col comune di Ascea.

Il caso: Pisciotta è minacciato da una frana. I costoni si sgretolano, massi cadono sulle abitazioni e i residenti rischiano di essere travolti
Una minaccia di frana che incombe da due anni sul paese.
Le strade di accesso e quelle di collegamento interno somigliano a sentieri di guerra , voragini che si aprono dappertutto, fabbricati che minacciano di crollare, nuclei familiari evacuati. La frana di via Foresta che dal gennaio del 2008 minaccia la pubblica e privata incolumità .Un pericolo che ogni volta che piove diventa un incubo e c’è un fabbricato che sta per crollare al centro del paese.
Un crollo che potrebbe trascinare con un effetto domino anche altri fabbricati.


Potrebbero interessarti anche...