Un nuovo modo per diagnosticare i gluten sensivity (GS)

Arriva la diagnosi anche per la GS (gluten sensivity), ovvero i “falsi celiaci” o “quasi celiaci”. Si tratta di una scoperta fatta da un gruppo di ricercatori della School of Medicine dell’Università del Maryland a Baltimora e della Seconda Università degli Studi di Napoli. Lo studio, guidato dall’italiano Alessio Fasano ha rivelato infatti che esistono differenze a livello molecolare e di risposta immunitaria tra pazienti celiaci e con gluten sensivity, ma che entrambe sono attivate dall’ingestione di glutine. A quanto pare nella GS c’è un meccanismo genetico che riguarda il sistema immunitario innato senza interessamento della funzione barriera intestinale, dove si riscontrano segni di infezione ma non di danno, come avviene invece nella celiachia. Grazie a questa ricerca sarà inoltre possibile fare chiarezza sugli effetti del glutine nei bambini autistici e schizofrenici che soffrono di un difetto della permeabilità intestinale.

via Club di Papillon


Potrebbero interessarti anche...