Attacco alla Scuola – L’ultimo affondo di Berlusconi è sconcertante!

Siamo al delirio, le parole del Premier sono a dir poco deliranti, leggiamole assieme: “La sinistra dice che io ho attaccato la scuola pubblica, non è vero: ho semplicemente detto che, se una famiglia poco abbiente manda il figlio in una scuola pubblica e per sfortuna si trova un’insegnante di sinistra che vuole inculcargli dei valori diversi rispetto a quelli della famiglia, lo Stato attraverso le Regioni deve intervenire e dare a quella famiglia il sostegno adeguato per mandarlo in una scuola privata e cattolica“.

Scuse, scuse e ancora scuse per finanziare le scuole private. La scuola pubblica è più eterogenea di quel che Berlusconi stesso riesca ad immaginare. Sono molti gli insegnanti che lo hanno votato e che oggi sono pentiti a causa dei tagli, ma anche dei continui insulti indirizzati anche a loro.

Il suo ultimo attacco se non altro ha avuto il merito di risvegliare le coscienze assopite degli italiani che a gran voce chiedono la mobilitazione. L’Unione degli studenti ha deciso già di organizzare una manifestazione in 50 città nel mese di maggio a loro probabilmente si unirà la società civile e il mondo dell’Istruzione. Non se ne può più di un Premier che amministra il Paese solo secondo le sue personali necessità, è ora di dire basta!


Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 16 Aprile 2011

    […] della Scuola Pubblica. In un altro post vi faremo una breve descrizione della giornata, … permalink Condividi la […]