La cara vecchia moka sopravvive alla tecnologia

La moka è ancora regina delle cucine degli italiani. Marisa Fumagalli sul Corriere della Sera di sabato ha dedicato un ampio servizio a uno degli oggetti che contraddistinguono la tradizione e il design italiano nel mondo e che ancora oggi vince sulla capsula e sulle cialde. A sostenerlo è anche Giuseppe Lavazza: “La moka è lo zoccolo duro del consumo casalingo: le capsule rappresentano solo il 4% di questo mercato, anche se registrano un incremento notevole, tra il 20 e il 25% l’anno”. Della stessa opinione anche Andrea Illy secondo cui la moka è la preferita al mattino per la prima colazione: “Il suo aroma, diffuso nell’aria, dà il senso dell’intimità”. L’amministratore delegato di E’ cafè consiglia invece come preparare una moka a regola d’arte: scegliere una miscela di qualità elevata; usare l’acqua in bottiglia, meno calcarea rispetto a quella del rubinetto; riempire la parte inferiore della moka facendo attenzione che il livello di acqua non superi la valvola; riempire il misurino della moka sino al bordo ma senza pressare; quando la moka gorgoglia, abbassare la fiamma, aspettare che si riempia di caffè e spegnere il fuoco”.

via Club di Papillon

Potrebbero interessarti anche...