TFA – Le (amare) riflessioni

I numeri del “fabbisogno formativo“, fra i precari della scuola, hanno suscitato sconcerto ed indignazione. Le previsioni del prossimo triennio non solo fanno intendere che i tagli ci saranno ancora, ma che saranno pesantissimi, ciò significa che molti precari di diverse classi di concorso non lavoreranno per diverso tempo ancora.
Fra i maggiormente indignati e sconfortati ci sono i docenti di laboratorio, costretti ancora una volta a subire l’ennesima discriminazione sia dal punto di vista della (ipotetica) partecipazione al TFA, sia dai pesantissimi tagli che vedono coinvolta l’intera tab. C. Allo sconcerto degli ITP si unisce quello delle maestre e dei maestri diplomati, anche per loro non è previsto alcun percorso abilitante.
Per quanto concerne invece la tab. C, noi di ARL lo avevamo anticipato in tempi non sospetti che i tagli agli organici avrebbe di fatto creato una sorta di “riserva indiana” ad esaurimento: chi è dentro ci resta fino alla pensione chi è fuori difficilmente (se non cambia la politica sulla scuola) entrerà. A tutta questa indignazione va sommata anche quella delle università: il numero esiguo dei possbili partecipanti potrebbe portare gli atenei a non istituire i TFA.

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Liborio Butera ha detto:

    Infatti la scuola non deve farsi carico dei disoccupati, ma deve essere messa nelle condizioni ideali per poter istruire i propri allievi, i tagli agli organici creano classi affollati e qualità bassissima, o non è così Carlo?

  2. Liborio Butera ha detto:

    quelli della tecnicca della scuola potevano citare la fonte del file… e invece…

  3. Gabriele ha detto:

    Caro Liborio, le scrivo per sottoporle la situazione di mia moglie laureata in scienze dell’educazione vecchio ordinamento 110 e lode, master di 2 livello e diploma di lingua spagnola attualmente impiegata presso una scuola privata. Lei vorrebbe abilitarsi all’insegnamento ma non riusciamo a comprendere quando e come sarà possibile. Siamo residenti a Palermo e sognamo sempre un futuro migliore e possibile. Può darci qualche suggerimento o qualche informazione? La ringraziamo sin d’ora per il tempo che potrà dedicarci. Buona serata.

  1. 22 Giugno 2011

    […] Nicola Muzio. L'articolo ha suscitato un vespaio di polemiche soprattutto fra i precari … permalink Condividi la […]