La cancellazione dell’art. 18 porta novità positive ai precari della scuola?

L’articolo è di Tuttoscuola.com che anticipa una novità che potrebbe essere inserita nella legge che vede la cancellazione dell’art. 18. Si tratta della stabilizzazione dei pracari della scuola, ma non di tutti, ma di quelli con incarico continuativo, ma vediamo cosa scrive la testata online: “Tra le diverse ipotesi innovative, oltre alla revisione dell’art. 18, ce n’è una che riguarda il personale con contratto a tempo determinato: dopo 36 mesi di rapporto continuativo di lavoro, il contratto si trasformerebbe automaticamente a tempo indeterminato.

Diventerebbe legge, in questa prospettata revisione dello statuto dei lavoratori, una previsione contenuta in una direttiva europea che non ha trovato finora applicazione nella scuola a causa della atipicità del comparto e del rapporto di lavoro che si instaura con il personale supplente.

Diversi giudici del lavoro hanno accolto richieste di docenti precari con almeno tre anni continuativi di lavoro nella scuola e nella stessa sede di servizio, condannando il ministero a rifondere i ricorrenti con arretrati e, in alcuni casi, con la trasformazione del rapporto di lavoro in contratto da tempo indeterminato.

Se la norma esposta durante la trattativa sindacale di questi giorni si trasformerà in legge sarà difficile per il Miur impedirne la generalizzata applicazione nei confronti di migliaia di precari”.

Speriamo non si tratti del solito tentativo, peraltro riuscito in passato di frammentare i lavoratori, staccando (per adesso) dal provvedimento la parte che riguarda gli statali. Peraltro su di loro grava l’art. 16 del DDL stabilità che introduce appunto il licenziamento nel pubblico impiego.

Twitter: @liboriobutera

Potrebbero interessarti anche...