Comunicato stampa dell’USB – IL MINISTERO DELLE FINANZE ORDINA DI NON RETRIBUIRE LE FERIE NON GODUTE AI PRECARI DELLA SCUOLA

Un altro scandaloso effetto della spending review colpisce la scuola e i precari. La nota del MIUR del 16 luglio stabiliva che l’art. 5, comma 8, del D.L. n. 95/2012 si applicava anche alla scuola; ciò in spregio a contratti nazionali e interpretazioni dell’ARAN dovute al fatto che un precario della scuola, per la natura del suo contratto, non può materialmente fruire delle ferie prima della scadenza dell’incarico. Il divieto di monetizzare le ferie non godute annullerebbe quindi il diritto alle ferie e violerebbe la Costituzione per disparità di trattamento.

Oggi il MEF, sulla base della nota del MIUR, ha ordinato alle Ragionerie Territoriali di sospendere i pagamenti delle ferie “in attesa della conversione in legge del decreto legge 95/2012”, prevista per i primi di settembre. Si dà quindi per scontato che il Parlamento della Repubblica approvi “a bacchetta” quanto imposto dal Governo, così come per il taglio in tutta fretta di altri 16.000 posti e l’accorpamento di oltre 80 scuole, conseguenze irreversibili della spending review. Bell’esempio di rispetto delle regole democratiche.

Dopo aver colpito solo i lavoratori e rigettato qualsiasi ipotesi di varare una “patrimoniale” sui redditi dei miliardari, ora il Governo Monti si appropria dei pochi soldi (circa 1000 Euro) su cui un precario della scuola può contare per affrontare i mesi di disoccupazione.

L’USB chiama tutti i precari a mobilitarsi contro questo ennesimo sopruso, portando la propria protesta in ogni città, a partire da quella che lunedì vedrà i lavoratori tornare sotto il Ministero della Funzione Pubblica contro tutto l’impianto della spending review, avallata invece da Cgil, Ugl, Cisl e Uil con l’accordo del 3 maggio scorso.

Potrebbero interessarti anche...