VICENZA, UN’ALTRA TAPPA PER I DOCENTI NON ABILITATI

Il 17 Novembre scorso a Vicenza abbiamo voluto accendere i riflettori sui problemi della scuola, in particolare sui docenti non abilitati, con un convegno che ha fatto confluire numerosissimi docenti da tutto il Nord Italia e parte del Sud, un’affluenza che ci ha fatte riflettere sull’importanza di queste iniziative utili ad affrontare un tema così spinoso come il nostro e utili ad avvicinare a noi la politica alla quale richiediamo un serio impegno. Abbiamo sentito l’esigenza, viste le lungaggini burocratiche che rallentano il percorso del TFA Speciale, di ribadire il concetto che i docenti non abilitati non sono affatto dei numeri da inserire in casellario, la nostra vita non è una tombola, sentiamo l’esigenza di avere certezze. Numerosi sono stati gli interventi a supporto della causa, abbiamo voluto ricordare quanto bistratta sia la nostra categoria che, ogni anno, puntualmente, viene usata e poi cestinata al termine delle attività didattiche. Il nostro lavoro viene svolto con amore e passione tutti gli anni e non è per nulla differente da quello che svolgono i colleghi di ruolo. Efficace l’intervento di Liborio Butera, docente di ruolo ITP, che ha portato la sua voce a sostegno della nostra causa insieme ad un altro docente ITP non abilitato Aulo Cimenti .Un grazie di cuore anche alla collega ed amica Daniela Pretto sindacalista GILDA, che ha voluto chiudere il convegno unendoci in un corale Inno all’Italia, come non si sentiva da tempo, oltre a sottolineare, ancora una volta, quanto poco dignitosa sia la condizione dei docenti di III fascia e non solo. Mirato l’intervento del Professor Giorgio Mottola, seppur assente perché impossibilitato, ha recapitato sulle ali di un piccione internauta il suo “NON CI STO”, quel Giorgio Mottola che noi tutti chiamiamo Professore, uno di quelli che in giro non ce ne sono più e che ci ha tirati fuori dal pantano in meno di sei mesi, portando all’attenzione degli Onorevole di FLI le nostre richieste, che puntualmente sono state “evase” ed ascoltate. Un grazie di cuore all’Onorevole Fabio Granata, che anche di sabato, ha deciso di esserci, perché davvero non voleva mancare, ha rassicurato con il piglio e la veemenza di conosce il fatto suo, tutti i colleghi, invitandoci a rimanere uniti, proprio perché in dirittura d’arrivo. Grazie anche all’Onorevole Giorgio Conte che ci ha ospitate come MIDA precari, offrendoci la struttura, affinché il nostro convegno potesse essere realizzato . Grazie di cuore anche a chi non c’era fisicamente, ma ha dimostrato di esserci con i fatti e mi riferisco agli Onorevoli Di Biagio e Muro, che operosi come formichine, hanno portato a casa risultati ormai insperati. Un caloroso abbraccio, seppur virtuale, va a tutti i colleghi che, nonostante tutto, hanno macinato chilometri per essere presenti, dimostrando dignità, voglia di lottare e di andare avanti sempre e comunque.

Mida Precari
Angela Veltri (detta Ellenica) , Ida Gasparretti, Rosa Sigillò ,AnnaMaria Coletta

Potrebbero interessarti anche...