Contratto mobilità 2013/2014 – In sintesi tutte le novità

Le parti hanno scelto di mantenere l’ impianto contrattuale precedente, limitando gli interventi al solo scopo di apportare elementi di chiarezza.

La novità

1. Domande on line per tutti, docenti e Ata
Tutte le domande di mobilità, comprese quelle relative al personale Ata, verranno gestite
on-line, attraverso la piattaforma Polis alla quale, i lavoratori interessati dovranno registrarsi preventivamente.
Procedure da seguire per la registrazione su Istanze On Line Possesso, per chi ancora non l’avesse, di una casella di posta elettronica (…@istruzione.it) da attivare sul sito del MIUR;
Accesso nell’area di registrazione POLIS (Presentazione On Line Istanze) per ottenere le credenziali; A completamento dell’operazione è necessario rivolgersi all’istituzione scolastica al fine della conferma della registrazione. Per l’effettuazione di tutte le fasi si suggerisce di rivolgersi alle strutture provinciali della UIL scuola.

Riconfermati nel contratto 2013

2.Esclusione docente neo assunti
Il personale docente assunto a tempo indeterminato nell’anno scolastico 2011/12 o negli anni successivi non potrà partecipare ai trasferimenti per altra provincia, per un qui nquennio, in applicazione dell’art. 9, comma 21, della Legge n.106/11.

3.Deroga per i neo assunti retrodatati all’anno precedente
Il blocco quinquennale non si applica ai docenti assunti con retrodatazione giuridica al 2010/11 o negli anni precedenti.

4.Altre deroghe previste rispetto il blocco quinquennale
Riguardano il personale docente di cui all’art. 7 comma 1 del presente contratto, e fanno riferimento a i punti:
I) disabilita e gravi motivi di salute
III) personale con disabilità e personale che bisogno di particolari cure continuative
V)assistenza al coniuge, al figlio o al genitore con disabilità.

UIL-Scuola

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Gaetano ha detto:

    Sono amministratore di sostegno di mia suocera, nei trasferimenti interprovinciali mi deve essere riconosciuta la precedenza. Grazie.