Insegnanti estero – Proroga del personale ma da subito tagli selvaggi

Si è svolto lo scorso 30 luglio presso il MAE un incontro tra la delegazione di parte sindacale e quella di parte pubblica.
L’informativa ha riguardato:

La definizione del contingente del personale per l’a.s. 2012/2013
Il decreto per il conferimento delle supplenze
L’Intesa sui progetti di miglioramento dell’offerta formativa

Prima di affrontare la spinosa questione dei tagli al contingente 2012/2013 l’Amministrazione ha informato che a seguito di accordo tra MAE e MEF il personale in servizio sarà mantenuto all’estero fino al completamento del mandato come previsto dalla legge 10 del 26 febbraio 2011.
Purtroppo, però, è stato comunicato che la riduzione del contingente a partire dal 1 settembre 2012 sarà di 138 unità, nonostante la norma contenuta nella relazione tecnica al D.L. 95/2012 preveda una riduzione progressiva di 80 unità per ogni anno scolastico e per la durata di un quinquennio.
Ovviamente la riduzione di 400 unità è già di per se molto grave ma accelerare le procedure lo è ancora di più  oltre che assolutamente ingiustificato.
La soppressione dei 138 posti equivale ai posti vacanti e di conseguenza vi è il blocco delle nuove nomine per il prossimo anno scolastico sia per il personale docente sia per gli ATA che per i dirigenti scolastici.
Per quanto riguarda il testo del decreto per il conferimento delle supplenze all’estero sono state richieste dalle OO.SS. alcune integrazioni, pertanto, il MAE si è impegnato a pubblicare in tempi brevi il testo rivisto.
E’ stata sottoscritta l’ipotesi di intesa relativa ai progetti relativi al Miglioramento dell’Offerta Formativa che prima della sua attuazione dovrà avere il parere del IGOP e della Funzione Pubblica. Solo al termine di questo iter si potrà procedere alla sottoscrizione del contratto e in osservanza  all’art. 104 del CCNL/2007 procedere alla destinazione della somma di € 1.446.079,03 per il MOF.

Situazione Asmara

La situazione delle scuole italiane ad Asmara rimane critica in quanto per i problemi relativi al permesso di lavoro il MAE ha deciso di non aprire le prime classi avviando così una pericolosa deriva.
E’ in atto il tentativo di un nuovo Accordo Tecnico tra i due Paesi che auspichiamo possa appianare le conflittualità emerse.
Al termine dell’incontro l’Amministrazione si è impegnata ad inoltrare alle OO.SS. tutta la documentazione necessaria e si è altresì impegnata a convocare le OO.SS. in tempi brevi cosi, come sollecitato, per un ulteriore confronto sul contingente 2012/2013

Potrebbero interessarti anche...