ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE: recuperare il gap che ci separa dall’Europa di

Giorgio Mottola  – Responsabile  nazionale Settore Scuola di Futuro e Libertà

Futuro e Libertà ha più  volte rappresentato l’ esigenza di rivedere in maniera seria ed articolata l’attuale assetto del Sistema Istruzione in Italia, ed in particolare dell’Istruzione Tecnica e Professionale.
Lo abbiamo fatto attraverso una serie di interrogazioni parlamentari, risoluzioni  in VII Commissione Cultura Camera, lo abbiamo ribadito durante il colloquio avuto col Ministro Profumo e nel documento di sintesi inviato al Capo Dipartimento MIUR dott.ssa Stellacci.
Oggi, alla luce di quanto è riportato nel recentissimo  Rapporto di monitoraggio elaborato  dall’Ansas-Indire   in ordine al    primo anno di applicazione delle Linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento, ne siamo ancor piu’ convinti.
Da una attenta lettura del Rapporto, infatti,  emerge in maniera inequivocabile quanto FLI aveva da tempo posto all’attenzione del Ministro Profumo in ordine, soprattutto, alla mancata caratterizzazione delle discipline professionalizzanti , alla  riduzione delle ore di laboratorio e alla marcata indifferenza e sottovalutazione di una categoria di docenti (insegnanti tecnico pratici) che da sempre hanno rappresentato quel motore della didattica laboratoriale, di cui tanto si parla ma che, nei fatti, viene depotenziata.
L’istruzione tecnica e professionale,  nata per rispondere alle esigenze delle realtà produttive del paese , rischia, ancora una volta, di scontare un ritardo storico verso quei sistemi formativi europei che da tempo hanno attivato politiche concrete per non farsi  trovare impreparati ai continui cambiamenti del mercato del lavoro.
Lo stato di incertezza che regna da alcuni anni , ha finito con  l’incidere pesantemente sulla qualità della formazione determinando un gap tra competenze in uscita e quanto, invece, il mercato stesso  richiede
Le quote di autonomia e di flessibilità che, secondo il MIUR, potrebbero consentire alle scuole una riorganizzazione del quadro orario e dell’offerta formativa nell’ottica di “  valorizzare  settori produttivi strategici per l’economia del Paese “  in realtà rischia di essere un “libro dei sogni” se non si interviene con  una diversa e piu’ articolata distribuzione delle discipline tenendo conto della tipicità  e della vocazione dell’istruzione tecnica e professionale.
Altro è “razionalizzare” il Sistema dell’Istruzione , limitando la frammentazione degli indirizzi e il sovrapporsi di sperimentazioni che da un ventennio avevano caratterizzato la galassia dell’offerta formativa,  altro invece è il taglio lineare, indiscriminato e sproporzionato che rischia di mettere in ginocchio questo particolare e delicato settore dell’Istruzione
Una “didattica laboratoriale” in grado di sviluppare competenze, ha bisogno di professionisti seri e preparati (che grazie a Dio ci sono e rappresentano il patrimonio della Scuola italiana) ma anche- come auspicato dal Capo dello Stato nel corso dell’inaugurazione dell’anno scolastico-  “di  idee e risorse” , cosi’ come sta avvenendo in altri paesi della Comunità Europea dove, nonostante la crisi, si sta puntando, per lo sviluppo, su Istruzione e Cultura.
C’è da augurarsi che  quando gli esiti del monitoraggio e della valutazione saranno oggetto di un Rapporto al Parlamento, cosi’ come prescritto dall’art.7 del DPR 87/10, possano scaturire, dal dibattito che seguirà, interventi e correttivi che consentano di colmare  quei vuoti e quelle criticità che il Rapporto stesso ha evidenziato.

Potrebbero interessarti anche...