Comitato d’agitazione scuole biellesi – Formazione Professionale ed iscrizioni, il resoconto

Siamo soddisfatti della qualità dell’azione svolta in occasione dell’incontro organizzato da SEL: puntuali e di qualità i nostri interventi!
Il Comitato ritiene urgente una presa di posizione sull’ennesimo attacco alla scuola pubblica, qualcuno (Alessandra, Luca e altri) preparerà un intervento da inviare ai giornali, che sarà sottoposto a tutti noi, in rete, per eventuale modifiche.

C’è soddisfazione per come il Comitato venga riconosciuto il responsabile dell’opposizione degli insegnanti biellesi contro la “sperimentazione della valutazione”: in quasi tutte le scuole si è votato contro i progetti di sperimentazione dei nuovi, vaghi e inconsistenti criteri di valutazione del lavoro docente. Ma teniamo alta la guardia, potrebbero essere inviati gli ispettori per eventuali altre verifiche…

La Regione ha firmato una intesa che da la possibilità agli Istituti professionali di Stato di rilasciare qualifiche professionali come i Centri di formazione professionale. Se da una parte questo può dare un po’ di respiro agli Istituti professionali, alcune clausole ne limiterebbero l’azione: tutto ciò deve essere “senza oneri per lo Stato e per la Regione”; e non possono essere aumentati i corsi all’interno delle Province.
Invieremo presto il testo dell’intesa sulla quale il Comitato pensa di pronunciarsi pubblicamente e di agire per intervenire sull’organizzazione dei corsi a livello provinciale.

Abbiamo tutti visto i dati di previsione delle iscrizioni per l’anno scolastico 2011-12. Attendiamo i dati precisi e ufficiali per prendere posizione, ma intanto denunciamo la scarsa qualità dell’attività di orientamento, tutta tesa a “vendere fumo colorato” per incantare adolescenti e famiglie! La inadeguatezza delle istituzioni provinciali e l’incapacità dei dirigenti di fare insieme programmazione sul territorio ha creato incongruenze che saranno presto evidenti…
Ne riparleremo appena si avranno dati certi.

Si è aperta la discussione sulla costruzione di un “tavolo provinciale di confronto sui temi della scuola”, ci sono più vie da percorrere: c’è chi pensa ad una strada specialmente pansindacale, finalizzata alla possibilità di esercitare un “controllo” diretto sull’azione dei sindacati provinciali; chi pensa che il tavolo possa essere un luogo dove riunire forze politiche e sindacali, associazioni dei genitori, lavoratori della scuola e studenti per svolgere un lavoro di programmazione sul territorio che possa contribuire a produrre un salto di qualità alla scuola biellese.
Forse sono progetti velleitari, ma si sente l’urgenza di agire per contare di più: sentiamo di essere una forza e intendiamo giocare tutte le carte che abbiamo a disposizione.

Alle riunioni del martedì partecipano non molte persone ma sappiamo, dagli attestati di stima e dagli incitamenti che riceviamo, che siamo seguiti e sostenuti e che siamo rappresentativi. Ma abbiamo bisogno dell’esperienza e dell’intelligenza di tutte/i, partecipate quindi!

Ci ritroveremo martedì 8 marzo, ore 17,30, all’IIS Q.Sella, aula 204


Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 2 Marzo 2011

    […] a portare a casa il consenso minimo per vendere. comitato-di-agitazione-permanente-biella … permalink Condividi la […]