Mala tempora currunt: Berlusconi, ieri sera ospite a Porta a Porta ha manifestato l’intenzione di diminuire drasticamente il numero degli impiegati statali. L’operazione dovrebbe essere fatta sui pensionamenti, ovvero ad ogni otto pensionamenti se ne assumerebbe uno solo. In questa maniera lo Stato sarebbe più snello e soprattutto meno oneroso per il contribuente. Ma basterà il lavoro di un impiegato a compensare quello di otto? Sicuramente no, allora al Cavaliere in realtà cosa frulla nel cervello? Vorrà per caso esternalizzare il lavoro, permettendo così ai privati di entrare nella Pubblica Amministrazione cosi come avviene in alcuni stati europei? Probabilmente la vera mira è quella, chissà se saranno d’accordo i cittadini italiani, non è sempre vero che il privato funziona meglio del pubblico, anche se da un decennio a questa parte si sforzano per farcelo credere.  

3 Replies to “I tagli di Silvio!”

  1. E’ un momento di grandissima confusione!
    Una cosa è sicura!
    Ci hanno già tagliato i viveri. Si lamentano che i consumi diminuiscono, ma se la gente non arriva al 15 del mese figuriamoci se pensano ad altro!
    Speriamo ci sia più chiarezza e soprattutto concretezza!

  2. MA COME FAI ANCORA A CREDERE A SILVIO BERLUSCONI ? ASPETTO UNA RISPOSTA , SE RIUSCIRAI A DARLA SIGNIFICA KE AVRAI CORAGGIO E PROBABILMENTE PURE UNA BELLA FACCIA TOSTA (NON SONO NE DI SINISTRA NE DI DESTRA ) , MA BERLUSCONI è BERLUSCONI.

  3. Scusami Antonio non ti seguo, vorresti dire che Berlusconi racconta frottole quando sostiene che farà i tagli agli statali e io come un fesso ho creduto alle sue parole?

    E poi se do’ una risposta avrei anche la faccia tosta?

    Riordina meglio le idee e poi ripassa a scrivere 🙂

Comments are closed.