Donne: non allattate i vostri figli! Almeno chi abita nei pressi di Taranto.

Dopo un’analisi del latte di alcune mamme che abitano in tre diverse zone di Taranto è emerso che il loro latte contiene una concentrazione di diossina e pcb (policlorobifenili) superiore di circa 25 volte la dose tollerabile giornaliera fissata dall’Organizzazione mondiale della sanità. A confermarlo è stata poi l’associazione di volontariato “Bambini contro l’inquinamento” che attraverso uno studio analogo ha evidenziato che il latte della mamme tarantine ha una concentrazione di diossina del 50% superiore ai livelli “tollerati”. In questo modo – precisano i medici dell’associazione – i bambini rischiano di intossicarsi allattando direttamente al seno materno. Pare che la diossina si trovi in molti prodotti alimentari proprio per questo la Regione Puglia ha attivato alcune iniziative che mirano appunto a “scovare” quegli alimenti che contengono il composto organico cancerogeno. Ma come ha ammesso lo stesso Presidente Vendola sarà necessario parecchio tempo per ridurre “un accumulo pluridecennale di disattenzione, sottovalutazione, complicità che hanno contraddistinto una stagione dello sviluppo economico in Puglia aggressiva verso la salute e il territorio”.

Potrebbero interessarti anche...