Il governo amico della scuola

In questi giorni stiamo assistendo ad una campagna di disinformazione da parte dei sindacati e dei media in generale che, alla faccia della libertà di stampa e di informazione, stanno deviando l’attenzione su altre tematiche (furto del TFR giusto per fare un esempio), nascondendo i pesanti tagli di risorse alla scuola. Ma iniziamo a vedere qualche dato concreto per renderci conto delle vere intenzioni dell’Esecutivo:

15.000 insegnanti e 3.000 Ata in meno causati dall’aumento del rapporto alunni/classe dello 0.4 (stabilito dalla Finanziaria ed attuato con la recente Cm 19/2007) che porterà, oltre al taglio di posti di lavoro, ad aumentare il già attualmente insostenibile numero di alunni per classe di 1 o 2!! Ancora più intollerabile è che questa diminuzione di posti di lavoro sia mantenuta nonostante un aumento di 28.000 alunni/e per il prossimo anno scolastico;

10.000 posti verranno soppressi agli organici per il sostegno con l’applicazione di criteri più rigidi per l’assegnazione del sostegno;

9.000 posti di insegnanti di inglese alla scuola elementare verranno tagliati, eliminando l’insegnante specialistico;

17.000 posti per i docenti e 3.000 per gli Ata negli Istituti Professionali, non ci saranno più con la riduzione di alcune ore del tempo-scuola per gli studenti;

5.000 insegnanti posti fuori-ruolo per motivi di salute ed attualmente utilizzati, prevalentemente, come bibliotecari scolastici, verranno trasferiti ad un’altra Amministrazione e licenziati se non verrà trovato un altro posto di lavoro. 

Per fortuna conservo le promesse fatte in campagna elettorale, uno di questi giorni con più calma le pubblico.

Potrebbero interessarti anche...