Il governo ci lascia un buco da 7 miliardi di Euro!

Ma quale tesoretto d’Egitto??? Direbbero i toscani, ma lo diciamo anche noi che toscani non siamo. La notizia è di quella da far tremare i polsi e riguarda i conti dello stato. Il Sole 24 Ore, con un articolo a firma del suo maggior economista, ha smontato la favola del tesoretto di Prodi e ha evidenziato come Tommaso Padoa Scioppa, con l’avallo di tutto l’arco “costituzionale” del governo, ci lascerà in eredità un buco nei bilanci di 7 miliardi di Euro, altro che tesoretto! Per risanare i conti dello stato non sono serviti i pesanti tagli che hanno interessato il welfare (scuola, sanità, pensioni…) e gli aumenti a raffica che garantiscono un maggior introito dell’iva voluti dal governo, gli italiani ne escono “cornuti e mazziati” e costretti nel futuro ad ulteriori sacrifici. Ma Vediamo come si configura il buco: 2 miliardi andranno alle regioni per investimenti nelle ferrovie, altri 2 miliardi ai ministeri per impegni rinviati nel 2007. Poi c’è il contratto degli statali da onorare e che costa subito da un minimo di 2 a un massimo di 6 miliardi di euro. E ancora 600 milioni per la crisi dei rifiuti in Campania e, infine, 400 per le elezioni (ma almeno le spese per il voto, comunque necessarie, non potevano certo essere inserite nel bilancio 2007) Il totale? 7 miliardi di euro a essere ottimisti. A questo punto chissà se Benigni è disposto a rivisitare il suo famoso film dal titolo “Non ci resta che piangere” per adattarlo a questa triste situazione di  cui lui stesso in qualche maniera si è reso complice?

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. pelo ponneso ha detto:

    ci serve un link 😀

  2. Nino ha detto:

    Che dire ? I soliti IMBROGLIONI!!!

  3. arnold ha detto:

    Giro questa
    (ANSA) – ROMA, 11 FEB -‘Non esiste alcun buco’ nei conti pubblici del 2008: cosi’ una nota del Tesoro in merito a indiscrezioni stampa sulla possibilita’ di un buco.’In riferimento a recenti articoli – scrivono dal ministero – il ministero dell’Economia precisa che la Finanziaria e il Bilancio approvati dal Parlamento nel dicembre scorso hanno coperture piene e certificate per tutte le spese che vi sono iscritte e comprendono tutte le spese che derivano dalla legislazione vigente. Non esiste quindi alcun ‘buco”.
    Vedrmo nei prossimi giorni chi ha detto la verità.

  4. Liborio Butera ha detto:

    francamente mi auguro che abbia ragione il governo se non altro perchè non vorrei dissanguarmi a causa di gente incapace di governare.

  5. Luca Ripellino ha detto:

    Certo, a questo punto speriamo sia così. Ma se così fosse, è cmq doveroso chiedersi: il buco suddetto, come è stato “tappato”? Cioè, cosa ci racconta il ministro dell’economia circa la recessione ormai incontrastabile, l’ulteriore calo del pil e della competitività, la tassazione sugli stipendi che ormai in molti casi supera il 50% del reddito lordo? Ci hanno spennati, non c’è un servizio (spesso disservizio) che non sia aumentato, ci mancherebbe pure che ci sia anche il buco delle finanze… Cmq è notizia di oggi che il (ex) ministro ha dichiarato che “il tesoretto non esiste”!! Chapeau, e sono andati avanti un anno a discutere su come impiegarlo… il tesoretto dove lo metto?! Ora, guarda caso a legislatura terminata, dicono che non esiste: già che ci sono, facciano lo sforzo di dire che ci hanno preso in giro tutti! Luca