Quella cara vecchia idea del “Tour Consapevole” che adesso ci copiano tutti

Non si può rinunciare allo shopping consapevole, soprattutto quando parliamo di gusto e di eccellenza enogastronomica. Perchè, si sa , gli italiani sono ancora un popolo attento alla sana alimentazione legata al territorio, nonostante la crisi. L’hanno ben capito i promotori della prima edizione di “Shopping con Gusto” , una manifestazione che si terrà presso il Serravalle Designer Outlet dove si incontreranno oltre 40 aziende artigiane, produttrici delle eccellenze enogastronomiche di tre regioni (Piemonte, Liguria e Lombardia) le quali proporranno momenti di degustazione e possibilità di acquisti.

La notizia non mi soprende più di tanto, e spiego il perchè. Chi ci segue da tempo, ricorderà che erano circa gli stessi peridodi del 2008 quando l’idea di creare una sorta di tour consapevole, a cominciare dal nord Italia, per legare il gusto al territorio al fine di far conoscere i prodotti enogastronomici della nostra terra, veniva accarezzata da alcuni di noi. Eravamo cinque o sei persone legate dalla passione per il gusto vero e con il sogno di “sovvertire” quello degli altri. Riuniti attorno ad un tavolo, che sempre più spesso diventava una “buona tavola”, studiavamo il modo di intraprendere questo viaggio.

Quale messaggio culturale migliore, pensavamo, per contrastare il meno sicuro mercato alimentare globale? Era il 2008. Poi. Poi la certezza si è trasformata in dubbio. E il dubbio in consapevolezza, la consapevolezza dell’oblio. Il successo che di certo meritano i promotori della manifestazione sarà la conferma che la strada da noi indicata era quella giusta, ma sarà anche la dimostrazione che le buone idee da sole non bastano: servono gli uomini di buona volontà.

Ecco il video del primo “tour Consapevole”


Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. GIUSEPPE ha detto:

    Bellissima iniziativa valorizzare in questo modo il nostro territorio e come al solito sei un precursore!!!

  2. Liborio Butera ha detto:

    Grazie Giuseppe, ma avrei voluto fare di più. 🙂